Home Salute 10 consigli per non mangiare sotto stress e 5 cibi che aumentano...

10 consigli per non mangiare sotto stress e 5 cibi che aumentano i livelli di serotonina

53
0

Il creatore della Psycho-Diet raccomanda 10 semplici passaggi attraverso i quali le persone possono preparare la propria mente e il proprio corpo a un momento in cui le minacce esterne possono amplificare le minacce interne.

Un esempio estremamente conclusivo è il periodo della pandemia, soprattutto i primi mesi, quando il 90% della popolazione mondiale è ingrassata. Questa informazione fa parte della recente memoria collettiva e il comportamento umano è stato lo stesso in tutto il mondo: eccesso di cibo e consumo elevato di cibi “ingrassanti” per la pace e la “sicurezza”. E il risultato rapido è stato un sacco di chili di troppo.

Ecco cosa dobbiamo fare:

1. Sposta la tua attenzione e incanala la tua energia! Per non mangiare troppo, concentra la tua attenzione e le tue energie su qualcosa di costruttivo. Aiuta chi puoi e aiuta te stesso in questo modo.

Read:   L'attivazione di uno dei segmenti del DNA può proteggere dall'invecchiamento precoce

2. Veloce a intermittenza! Attraverso il processo di autofagia (autoriciclaggio) in cui entrano le cellule del corpo, il corpo riceve più energia e, in questo modo, il cervello non ti bombarderà sempre di messaggi “mangia, perché hai fame”.

3. Idratati e riposa il più possibile! Un corpo e un cervello disidratati e stanchi richiederanno ancora più cibo!

4. Mangia i primi 5 cibi che hanno la capacità naturale di aumentare la produzione naturale di serotonina da parte dell’organismo: avocado, uova, coriandolo, tacchino e banana.

CONTINUA A LEGGERE SU CLICK.RO

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedentePSG: l’ennesimo fallimento del gioiello parigino del Qatar
Articolo successivoLa Romania sarà presente a Expo Dubai 2020 attraverso il progetto “Romanian Art and the French Connection” avviato dalla Oana Ivan Gallery di Parigi