Home Sport Benzina per Ferran Torres

Benzina per Ferran Torres

58
0

Offri lo scudetto ai tifosi del Camp Nou dopo una manciata al Real. Piqué, che ai suoi tempi ha potuto realizzare quel sogno, ha visto come quelle che lo hanno fatto questa domenica siano state le giocatrici del Barça. Una squadra da record, come quella in cui siamo atterrati io e Gerard Alves nel 2008. Il difensore centrale ha giocato 600 partite con l’Osasuna con la maglia del Barça e da quando è tornato al Barcellona dopo l’Erasmus inglese non aveva mai vissuto una siccità simile: se non c’è miracolo, sarà la terza stagione senza campionato, nonostante la metamorfosi che la squadra ha vissuto dopo l’arrivo di Xavi ei rinforzi invernali sono evidenti, come si è visto ancora con una nuova bastonata.

Molte cose sono cambiate da allora, ma una rimane: Piqué è ancora vitale per Xavi come lo era Kuman. Il difensore catalano, che ha appena compiuto 35 anni, continua a esibirsi ad un buon livello mentre si cerca ancora un sostituto: Arajo ha la sua forza ma gli manca la sua potenza di palla, il contrario Eric Garcia. Resta da vedere se l’a Christensen, Il difensore centrale del Chelsea che ha ingaggiato il Barça si sente bene come il passaggio del difensore catalano dalla Premier alla Liga. “So che mi è rimasto poco e non so quanto. Devo godermela”, ha detto ad ottobre, prima della Classica del primo turno.

Read:   Il Barça torna a Madrid prima dello storico evento del Camp Nou

A prescindere da quello che succede con Piqué a giugno, quello che è chiaro è che dal Camp Nou Classic alle porte del duello al Bernabéu, il Barça ha vinto un gol, una delle poche cose che costano di più della benzina nel contesto attuale .

Aubameyang, secondo ‘pichichi’

“Quando hai opportunità, finiscono per entrare, devi continuare a lavorare per le colpe che vanno dentro”, ha detto Ferran Torres. A seguito delle critiche ricevute per la mancanza di polvere da sparo, l’attaccante valenciano ha firmato la sua prima doppietta da giocatore del Barcellona. Dapprima trasformando un rigore su Gavi.. Sette minuti dopo ha centrato ancora il gol della Navarrese con una di quelle belle mosse che nei giorni precedenti erano rimaste senza premio. Il passaggio è arrivato dagli stivali del graziato Dembélé, che ha servito anche il terzo ad Aubameyang. Il collegamento dell’ex duo del Dortmund ha ripreso a risolvere la controversia prima della mezz’ora di gioco. L’attaccante di Bundesliga e Premier League ha dimostrato di continuare a fare gol nel suo carro armato: in un mese e mezzo è già diventato il secondo capocannoniere del Barça in campionato, con cinque gol.

Il Barça ora dipende solo da se stesso per essere il secondo, qualcosa che sembrava un’utopia a gennaio. Ma i rinforzi invernali hanno cambiato il volto della squadra. Nonostante fosse secco contro il Galatasaray, il Barça ha ritrovato il gol: quattro delle ultime sei partite si sono risolte con una botta. Piqué voleva unirsi alla festa e ha segnato dopo l’intervallo, anche se è stato annullato per fuorigioco poco prima di andarsene applaudito dopo una buona ora di gioco.

Chi ha segnato è stato Riqui Puig. Il canterano, che negli ultimi due mesi aveva avuto solo otto minuti, lo ha fatto quando in campo era appena una coppia.

Notizie correlate

Elogio di Xavi

“Abbiamo giocato una delle migliori partite da quando sono stato allenatore. E’ una grande partita che ci dà morale e fiducia”, ha commentato il tecnico, che ha preso atto ma fa fatica ad arrivare in tempo al treno della Lega. “Anche vincere al Bernabeu è molto difficile. Non è da escludere, ma è molto complicato”, ha sottolineato prima di elogiare Torres (“Ho detto a Ferran che i gol stavano per arrivare, ha segnato dove è stato. Ci dà tanto al piano di sopra, non solo goal”) ci insegnano a giocare, sono un esempio per il calcio maschile”).

Articolo precedenteMick Jagger, le relazioni sincere con le baby tate. Quali confessioni fa la donna
Articolo successivoElizabeth Taylor e Richard Burton, un matrimonio burrascoso. Come l’attrice ha trattato la figliastra