Home Salute CHI: la pillola anti-COVID Merck è raccomandata solo in determinate condizioni

CHI: la pillola anti-COVID Merck è raccomandata solo in determinate condizioni

129
0

Molnupiravir è raccomandato per “pazienti con COVID-19 non grave che sono a più alto rischio di ricovero”, ha detto mercoledì un gruppo internazionale di esperti internazionali dell’OMS al British Medical Journal (BMJ), secondo Agerpres.

Questi pazienti a rischio di ricovero sono quelli non vaccinati, anziani, immunocompromessi o affetti da malattie croniche.

D’altra parte, questo trattamento non è raccomandato per “pazienti giovani e sani, bambini, donne in gravidanza o che allattano”, secondo l’OMS.

Le raccomandazioni si basano su nuovi dati provenienti da sei studi randomizzati controllati che hanno coinvolto 4.796 pazienti, la più grande serie di dati sul farmaco fino ad oggi, ha affermato l’OMS in una nota.

Read:   Perché i nostri denti fanno male quando beviamo freddo o caldo

I risultati di questi studi suggeriscono che Molnupiravir riduce il rischio di ospedalizzazione (di 43 ricoveri in meno ogni 1.000 pazienti ad alto rischio) e il tempo di insorgenza dei sintomi (in media, meno di 3,4 giorni). Indica anche un debole effetto sulla mortalità (con 6 decessi in meno ogni 1.000 pazienti).

Molnupiravir è l’unica pillola anti-COVID-19 oltre all’antivirale orale Paxlovid della società farmaceutica americana Pfizer. Tuttavia, il trattamento di Merck solleva più preoccupazioni di quest’ultimo per quanto riguarda gli effetti collaterali, osserva l’AFP.

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense, ad esempio, non l’ha autorizzata per le persone di età inferiore ai 18 anni perché potrebbe influenzare lo sviluppo delle ossa e della cartilagine.

Read:   Cos'è l'anodonzia, la malattia genetica manifestata dalla mancanza di denti

Ricordiamo inoltre che MSD ha fornito alla Romania, all’inizio di febbraio, 50.000 scatole di Molnupiravir, un medicinale antivirale a somministrazione orale per il trattamento delle forme da lievi a moderate di COVID-19.

Gli esperti raccomandano anche un trattamento che combini gli anticorpi monoclonali di Regeneron (Casirivimab e Imdevimab) solo per le persone a cui è stato confermato che non sono state infettate da Omicron. Questi anticorpi hanno dimostrato di essere inefficaci contro questa variante.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteLucian Viziru, sul reddito dalla Romania e dall’estero: “In Germania ho fatto in due ore quello che faccio qui in una settimana”
Articolo successivoIl miliardario Alexey Mordashov, considerato l’uomo più ricco della Russia, si dimette dalla leadership del TUI