Home Technologia Come funzionano le recensioni di Google Maps

Come funzionano le recensioni di Google Maps

88
0

Ogni giorno, persone in tutto il mondo pubblicano milioni di recensioni su Google, quindi lo sforzo per mantenere le informazioni pertinenti e accurate è continuo.

La maggior parte del lavoro per prevenire contenuti inappropriati nelle recensioni viene svolto “dietro le quinte”. Google alza il sipario e mostra cosa succede dopo aver premuto il pulsante “pubblica” di una recensione.

Le recensioni sono regolate da rigorose politiche sui contenuti. Google si assicura che le recensioni siano basate su esperienze di vita reale e non consentano la visualizzazione di commenti irrilevanti e offensivi sui profili di Google Business. Queste politiche si evolvono con il mondo che ci circonda, per proteggere i siti e le aziende da contenuti offensivi o fuori tema (non tematici) quando esiste un potenziale rischio di abuso. Ad esempio, una situazione del genere si è verificata quando i governi e le imprese hanno iniziato a richiedere la prova della vaccinazione COVID per l’accesso a determinati luoghi. In questo caso, Google ha aggiunto regole aggiuntive per rimuovere le recensioni che criticano le aziende per le loro politiche sanitarie o per il rispetto delle normative sulle vaccinazioni.

Una volta che una persona scrive una recensione, viene inviata automaticamente al sistema di moderazione di Google per verificare se rispetta o meno le norme che regolano le recensioni. Possiamo vedere questo sistema di moderazione come un agente di sicurezza che impedisce alle persone non autorizzate di entrare nell’edificio: nel nostro caso, gli agenti di sicurezza smettono di pubblicare contenuti inappropriati su Google.

Dato l’elevato volume di recensioni ricevute in un dato momento, per moderare il contenuto aggiunto dell’utente è necessaria sia una comprensione sfaccettata delle persone che la scalabilità delle macchine. Ogni sistema ha i suoi punti di forza e Google sta investendo molto in entrambi.

Read:   vivo lancia in Europa uno smartphone con doppia fotocamera selfie V23 5G

Le auto sono in prima linea nella difesa perché sono molto efficaci nell’identificare i modelli. Aiutano le macchine a convalidare il contenuto o meno. In questo modo, la maggior parte dei contenuti falsi o errati viene rimossa prima della pubblicazione e della lettura. I computer analizzano le recensioni da diverse angolazioni, ad esempio:

· Contenuto: la recensione contiene contenuti off-topic o offensivi?

· Revisione dell’account: hai precedenti di comportamenti sospetti?

· Il sito si è auto recensito: è stata osservata qualche attività anomala, come un rapido aumento del numero di recensioni in un breve lasso di tempo? Ha recentemente attirato l’attenzione nelle notizie o sui social media, il che spiegherebbe un’ondata di recensioni errate?

Preparare un computer per fare la differenza tra ciò che è accettabile e il contenuto che viola le regole richiede un equilibrio delicato. Ad esempio, la parola “gay” è talvolta usata in modo dispregiativo, cosa che non è tollerata nelle recensioni di Google. Se i modelli di apprendimento automatico di Google prendessero questo contesto solo per la parola “gay”, gli spazi relativi alla comunità LGBTQ + ne risentirebbero. Adattando la sua comprensione di come vengono utilizzate determinate parole o frasi, Google migliora la capacità del sistema di interrompere i contenuti che violano le regole e riduce le possibilità di bloccare in modo errato le recensioni non pubblicate.

Se Google non identifica alcuna violazione delle norme, la recensione viene pubblicata in pochi secondi. Tuttavia, l’analisi non si ferma alla pubblicazione della recensione. Google Systems continua ad analizzare i contenuti aggiunti dagli utenti e sta esaminando modelli discutibili. Questi possono essere qualsiasi cosa, da un gruppo di persone che lasciano commenti per lo stesso gruppo di profili aziendali, a un’azienda o un sito che riceve uno strano numero di recensioni a 1 o 5 stelle in un breve periodo di tempo. .

Read:   Huawei lancia il nuovo nova 9 SE, lo smartwatch WATCH GT Runner e il laptop AMD MateBook D15 in Romania

Parte dello sforzo per prevenire gli abusi nelle recensioni di Google Maps è la possibilità per le persone di segnalare eventuali recensioni che violano le norme. Chiunque pensi di vedere una recensione del genere su Google Maps è incoraggiato a segnalarlo. Le aziende possono segnalare le recensioni sul proprio profilo qui e le persone qui.

Il team di operatori umani è sempre attivo e analizza i contenuti segnalati. Quando identifichi le recensioni che violano le regole, queste vengono cancellate e in alcuni casi l’account dell’utente che le ha scritte viene sospeso o addirittura è possibile aprire una contestazione.

Oltre ad analizzare le recensioni riportate, il team umano identifica in modo proattivo i rischi di potenziali abusi per ridurre le proprie possibilità di successo. Ad esempio, quando si verifica un evento di interesse, come le elezioni, Google implementa sistemi di protezione aggiuntivi per luoghi legati a eventi e altre attività che le persone potrebbero cercare su Maps. Google continua a monitorare questi siti e queste attività finché il rischio di abusi non diminuisce e l’obiettivo è lo stesso: pubblicare solo recensioni autentiche e affidabili.

L’investimento di Google nell’analisi e nella comprensione di come i contenuti possono essere oggetto di abuso da parte dei contributori è stato fondamentale per tenerci un passo avanti rispetto agli attori malintenzionati. Con oltre 1 miliardo di persone che visitano Google Maps ogni mese per navigare o esplorare, Google si assicura che le informazioni che le persone vedono, in particolare le recensioni, siano affidabili.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteMark Zuckerberg è una delle persone più ricche del mondo. Quanto ha perso dopo il crollo delle azioni di Meta
Articolo successivoGli scienziati tedeschi vogliono clonare e allevare maiali geneticamente modificati per trapianti di cuore umano