Home Salute Consigli alimentari dietetici che possiamo mangiare durante il digiuno pasquale

Consigli alimentari dietetici che possiamo mangiare durante il digiuno pasquale

50
0

Il digiuno di Pasqua è uno dei digiuni più lunghi dell’anno, dura 40 giorni e sembra essere il più difficile da mantenere, sia per chi sta affrontando i chili di troppo, sia per il resto delle persone che decidono di fare una pausa pranzo. Il digiuno significa l’esclusione degli alimenti “dolci”, ovvero carne, uova, latte, formaggi e loro derivati.

Il nutrizionista Şerban Damian viene in aiuto di chi digiuna con alcuni consigli sui cibi che dovrebbero mangiare in questo periodo, in modo che il peso non ne risenta.

Durante i periodi di digiuno, rinunciando ovviamente a tutto ciò che significa carne, latticini, uova, abbiamo cercato di trovare dei sostituti per loro. Gli alimenti più popolari che si mangiano durante la Quaresima sono patate, fagioli, conserve, tanto pane e pasta, dolci da digiuno, ecc., che possono portare all’accumulo di un gran numero di chilogrammi. Il fatto che rinunciamo ad alcuni gruppi alimentari non dovrebbe spaventarci e farci mangiare troppo le loro opzioni di “digiuno”, perché allora il digiuno ci farà più male che bene. avverte il dottor Serban Damian.

Ecco alcuni cibi che dovremmo mangiare durante la Quaresima per non perdere chili di troppo.

  1. Scegli frutta e verdura di stagione

Possiamo ancora gustare frutta e verdura di stagione e il mercato è il posto migliore per fare scorta. “Fai un elenco di frutta e verdura di stagione che puoi prendere dal mercato e goditi i loro benefici e le loro sostanze nutritive. Carote, prezzemolo, sedano, pastinache, porri, cavoli, spinaci, cavolfiori, ravanello nero, cipolle verdi, lattuga, mele, agrumi sono solo alcuni degli alimenti che non devono mancare nella lista della spesa. Ci sono molti modi in cui possiamo cucinare le verdure in modo che siano gustose e a digiuno. Inizia anche il periodo dell’ortica e del leurde, quindi anche noi possiamo godere appieno dei benefici di queste piante.. ”, spiega il nutrizionista.

  1. Legumi – ottime fonti di proteine ​​vegetali
Read:   Ogni volta che possiamo indossare una maschera FFP2 o N95. Raccomandazioni specialistiche

Anche se durante il digiuno siamo tentati di scegliere i fagioli come primo alimento, esistono molti altri tipi di legumi con i quali possiamo integrare il nostro menù giornaliero. “Durante la Quaresima siamo tentati di scegliere i fagioli in alternativa alle proteine ​​della carne, soprattutto perché possiamo cucinarlo in molti modi. Ma lo stesso si può dire di ceci, lenticchie, amaranto, che sono ottime fonti di proteine ​​vegetali e possono essere altrettanto facili da preparare (bolliti, sotto forma di vellutate, ecc.). I ceci sono un’ottima fonte di fibre e acido folico e sono anche poveri di calorie. Le lenticchie sono un’ottima fonte di proteine ​​vegetali e possono abbassare la glicemia rispetto ad altri alimenti ricchi di carboidrati. I piselli sono un’ottima fonte di fibre e proteine, che possono aiutare a ridurre la glicemia e l’insulino-resistenza”. spiega il nutrizionista.

  1. Optare per cereali integrali e pseudocereali

Che si parli di avena, quinoa, chia, pane integrale, pasta integrale, riso integrale, tutti questi alimenti possono essere un vero aiuto durante il digiuno. “I cereali integrali e gli pseudocereali forniscono un’ampia varietà di importanti nutrienti e si tratta di fibre, vitamine (B1, B2, B3, B, ferro, magnesio, rame, zinco e selenio), minerali, proteine ​​e antiossidanti. Il loro consumo quotidiano è un enorme vantaggio che possiamo apportare all’organismo, soprattutto essendo una buona fonte di carboidrati. Il consumo regolare di cereali integrali può ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2 e obesità. Ricchi di fibre, i cereali integrali migliorano significativamente la salute dell’apparato digerente, ma le persone con intolleranza al glutine dovrebbero evitare grano, orzo e segale e sostituirli con grano saraceno.. ”, raccomanda il medico Şerban Damian.

  1. Evita gli alimenti trasformati e scegli spuntini sani
Read:   Studio: il paracetamolo a lungo termine aumenta il rischio di ipertensione

Invece di digiunare, scegli spuntini sani e sostanziosi. “Gli scaffali dei negozi abbondano di dolci a digiuno elaborati, il cui elenco di ingredienti lascia a desiderare. Scegli snack sani e nutrienti come frutta fresca o secca, noci, mandorle, semi crudi. Un esempio di snack pratico e gustoso è il mix di noci e frutta secca, che può essere personalizzato in base alle proprie preferenze, ma bisogna fare attenzione alla quantità, perché le noci sono ricche di calorie (100 g possono raggiungere circa 500-600 calorie o anche di più). Una porzione ideale di noci dovrebbe essere di circa 25-30 g. ” spiega il dottore.

  1. Attenzione al “latte vegetale”

Il latte vegetale è gustoso e può sostituire il latte vaccino in molti piatti. Si ottiene da legumi, cereali, semi oleosi ed è generalmente preferito da chi soffre di intolleranza al lattosio. Durante il digiuno è un sostituto ideale del latte vaccino, per chi preferisce bere il caffè con il latte e servire i cereali con il latte a colazione. “Chi non può bere il latte vaccino è probabilmente già abituato al latte vegetale. È sano e leggero perché generalmente non contiene zucchero, ha una bassa quantità di acidi grassi saturi e se è di riso, di soia o di miglio non ha glutine. Tuttavia, fai attenzione ai prodotti a base di latte vegetale in commercio che contengono additivi o zuccheri aggiunti oltre ad altri ingredienti geneticamente modificati. Quindi, la variante più semplice e sicura del latte vegetale è quella fatta in casa, sia che si parli di latte di mandorla, latte di cocco, latte di soia o latte di avena. “, spiega il nutrizionista, Şerban Damian.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteL’Arabia Saudita è tornata ad essere il principale fornitore di petrolio della Cina, superando la Russia
Articolo successivoBitdefender lancia una soluzione di gestione delle password