Home Technologia Cuccioli di “squalo fantasma” scoperti nell’oceano a 1.200 metri di profondità

Cuccioli di “squalo fantasma” scoperti nell’oceano a 1.200 metri di profondità

123
0

La scoperta è stata fatta da scienziati neozelandesi. La Chimera (squalo fantasma) è stata trovata a una profondità di 1.200 metri, vicino all’Isola del Sud, l’isola più grande della Nuova Zelanda, riporta Digi24.

Il dottor Brit Finucci, un membro del team, ha detto che il pulcino Chimera è stato trovato accidentalmente durante la ricerca sulle specie sottomarine. “Le specie di acque profonde sono generalmente difficili da trovare e, come i pesci chimera, tendono a nascondersi. Quindi non li vediamo molto spesso”, ha detto lo specialista.

Gli squali fantasma non sono squali, ma una specie di pesce molto simile, secondo la fonte citata. Sono pesci cartilaginei – i loro scheletri sono costituiti principalmente da cartilagine. La maggior parte delle specie di squali fantasma vive nelle profondità, ma alcune preferiscono le acque costiere meno profonde.

Read:   L'app Social Truth dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump verrà lanciata sul browser web a fine maggio

“I polli possono vivere in ambienti diversi, hanno una dieta diversa, possono persino sembrare diversi dagli adulti”, ha aggiunto il dottor Finucci.

I ricercatori del National Institute of Aquatic and Atmospheric Research in Nuova Zelanda ritengono che lo squalo fantasma fosse emerso di recente dalla capsula e avesse ancora un tuorlo nello stomaco. Gli embrioni di chimera si sviluppano in capsule a forma di uovo che si depositano sul fondo dell’acqua e si nutrono del tuorlo fino a quando non sono pronte per emergere.

Consigliamo inoltre:

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteBappi Lahiri, il “re della discoteca” in India, è morto all’età di 69 anni
Articolo successivoAd Adda sono state diagnosticate due gravi malattie: “Purtroppo l’infiammazione è arrivata al cervello”