Home Economia Elenco delle banche che potrebbero essere interessate dalle sanzioni imposte alla Russia:...

Elenco delle banche che potrebbero essere interessate dalle sanzioni imposte alla Russia: tre sono tra le più grandi in Romania

79
0

L’espansione delle sanzioni finanziarie imposte alla Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina ha causato turbolenze tra le banche europee, con le banche italiane e francesi che hanno la maggiore esposizione alla Russia, riferisce Reuters.

Divisione Europea di Sberbankil più grande gruppo bancario russo, è sull’orlo del fallimento dopo che i depositanti si sono precipitati a ritirare i propri risparmi, spaventati dalle conseguenze dell’espansione del conflitto.

Con una decisione che ha cambiato significativamente il settore finanziario, gli stati occidentali hanno deciso di escludere le banche russe dal sistema interbancario SWIFT, strumento essenziale per la finanza globale. Tutti i beni della Banca centrale russa saranno congelati nel tentativo di bloccare i finanziamenti per l’operazione militare del presidente russo Vladimir Putin contro l’Ucraina. La banca centrale russa ha riserve per circa 630 miliardi di dollari.

Le decisioni hanno lo scopo di minare la capacità della Russia di resistere alle sanzioni economiche e rappresentare una minaccia per le banche occidentali esposte all’economia russa.

Read:   Il PIL della Germania potrebbe essere fino al 5% inferiore alle previsioni in caso di cessazione volontaria o forzata delle importazioni di gas russe

In Europa, Le banche italiane e francesi hanno la maggiore esposizione verso la Russia, entrambe con poco più di 25 miliardi di dollari a fine settembre 2021, seguito da banche in Austria con un’esposizione di $ 17,5 miliardiriporta i dati della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI).

In confronto, l’esposizione alla Russia di Le banche americane sono 14,7 miliardi di dollari.

Tra le singole banche, la divisione russa del gruppo austriaco Raiffeisen Bank International (RBI) è la nona banca del Paese con un patrimonio di 15,8 miliardi di euro, 8.700 dipendenti e oltre 4,5 milioni di clienti.

L’esposizione del gruppo bancario austriaco alla Russia è stata di 22,85 miliardi di euro, di cui più della metà legati al settore corporate.

Raiffeisen ha anche 2,2 miliardi di euro di prestiti a clienti in Ucraina.

La banca francese SocGen, presente in Russia attraverso la controllata Rosbank, alla fine dello scorso anno aveva un’esposizione verso la Russia di 18 miliardi di euro. La Société Générale iniziò a fare affari in Russia nel 1872, poi lasciò il paese nel 1917, quando scoppiò la rivoluzione bolscevica, tornando nel 1973. Ha 1,5 milioni di clienti locali.

Read:   OMV si ritira dalla Russia. Le perdite sono stimate in 1,8 miliardi di euro

La controllata di UniCredit è la quattordicesima banca in Russia, con un’esposizione di 14,2 miliardi di euro.

Intesa Sanpaolo, il più grande gruppo bancario italiano, è attivo anche in Russia, dove finanzia importanti progetti di investimento energetico. L’esposizione di Intesa alla Russia ammonta a 5,57 miliardi di euro. La banca ha anche una filiale in Ucraina.

Il gruppo bancario olandese ING ha prestiti a clienti russi per un valore di 4,5 miliardi di euroe circa 600 milioni di euro per i clienti in Ucraina.

La maggior parte di questi prestiti sono in euro e dollari.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteHulk Hogan, relazioni amorose con diverse donne. Il motivo per cui l’attore ha divorziato di nuovo
Articolo successivoLaporta afferma che il Barça vuole creare la propria criptovaluta