Home Economia FBI: la Cina vuole affermarsi come potenza economica globale usando lo spionaggio...

FBI: la Cina vuole affermarsi come potenza economica globale usando lo spionaggio economico

44
0

La Camera di Commercio e Industria della Romania (CCIR), in collaborazione con la Sezione Commerciale dell’Ambasciata degli Stati Uniti negli Stati Uniti d’America (Bucarest) a Bucarest, ha organizzato il 15 marzo la conferenza: “US Best Practices in Research Protection and sviluppo, applicabile dal mondo imprenditoriale, dal sistema sanitario e dal mondo accademico”.

Durante l’evento, gli esperti del Federal Bureau of Investigation (FBI) hanno discusso di come le istituzioni accademiche, le agenzie governative e le agenzie di intelligence statunitensi collaborano per proteggere la ricerca e lo sviluppo accademici e come è possibile proteggere le informazioni riservate nel settore. di furto o abuso da parte di fattori esterni.

“Ovviamente la Cina, o più precisamente il Partito Comunista Cinese, vuole imporsi come potenza economica mondiale, ma purtroppo ha pochissimo rispetto per le regole del gioco, ricorrendo spesso allo spionaggio commerciale.

Per gli Usa, ad esempio, il costo nazionale dello spionaggio economico è salito a 400 miliardi di dollari nel 2018, con la Cina al primo posto tra gli stati che hanno fatto ricorso a questo metodo illegale. Non si tratta solo di spionaggio economico in termini di equipaggiamento militare, altri prodotti o servizi, come i database, sono altamente presi di mira.

Non solo le aziende, ma anche i cittadini americani sono presi di mira, con informazioni rubate a quasi la metà della popolazione statunitense negli ultimi anni. Questa guerra non va intesa come quella tra le grandi potenze economiche, come gli Usa o la Cina, qualsiasi potente compagnia al mondo sarà, ad un certo punto, presa di mira da un attacco di spionaggio economico”, secondo gli esperti dell’Fbi.

Read:   Un aereo Airbus A380 ha effettuato un volo di prova alimentato da olio da cucina

Deacon: Lo spionaggio economico porta perdite annuali di decine di miliardi di euro

Da parte sua, Stefan Deaconu, presidente della Corte arbitrale commerciale internazionale annessa al CCIR, ha avvertito che le perdite generate dallo spionaggio economico ammontano a diverse decine di miliardi di euro all’anno.

“Investire in ricerca e sviluppo è un modo importante per le aziende di guadagnare e, allo stesso tempo, mantenere il proprio vantaggio competitivo. La ricerca e lo sviluppo si basa, soprattutto al giorno d’oggi, sulla connettività digitale. Sfortunatamente, la connettività digitale comporta anche un’ampia gamma di rischi per la sicurezza, che interessano tutte le aziende, indipendentemente dalle loro dimensioni.

Uno studio del Centro europeo per l’economia politica internazionale (ECIPE), condotto nel 2019, prevede una perdita annua di oltre 60 miliardi di euro di crescita economica in Europa, oltre a quasi 300mila posti di lavoro dovuti alla criminalità informatica, concentrandosi sul furto informatico di segreti commerciali. Di conseguenza, il quadro normativo in materia, applicato a livello di Unione Europea, deve essere riorientato dalla lotta alle minacce informatiche in generale, al cyber furto di segreti commerciali in particolare”, ha affermato il presidente della Corte arbitrale commerciale internazionale allegata a CCIR, signore. Stefan Deaconu.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteLa falsa milionaria Anna Sorokin, che ha frodato banche e hotel a New York con centinaia di migliaia di dollari, resta negli Stati Uniti
Articolo successivoLa temuta febbre e le sue cause, spiegate dai medici. Cosa significa veramente quando inizia e come si combatte?