Home Sport Fiori sul cemento

Fiori sul cemento

111
0

Come contro l’Atlético de Madrid, il Barça ha sparato con ritmo costante. Un’altra dimostrazione di efficacia. Chiuse un occhio, puntò l’altro e, pam, mirò. Ieri è stato uno di quei giorni che ha faticato a perdere quando ha guardato la porta.

Non era il caso del Napoli. Sembrava bendato davanti al Napoli. Ma c’è un filo comune negli ultimi giochi. Gli obiettivi che erano in pochi giorni e deviati in altri partivano da una costruzione competente del gioco.

Le prestazioni sufficienti dell’equipaggiamento dei vertebrati iniziano a essere incatenate per accertarlo Xavi sta facendo un ottimo lavoro e che il suo ottimismo per portare il Barcellona nella terra promessa non era un vuoto strombazzare.

Read:   Girona risponde al VAR con una preziosa vittoria a Las Palmas

Il suo discorso radioso e pieno di speranza, ricevuto con una certa dose di scetticismo al suo arrivo, è ora ascoltato in un modo diverso. Non come un venditore di unguenti, ma come un solido allenatore il cui credo ha fatto crescere fiori di cemento.

Contro il Valencia ha ottenuto la sua prima vittoria confortevole. Buon gioco e batticuore. Per tornare felici e con la fiducia che viaggeranno al Napoli con i chiodi per tenere l’Europa.

Cambiamenti di allineamento

Xavi ha nuovamente proposto variazioni di allineamento. Dembelé, completamente perdonato. Il “superlativo” Pedram, come definito dall’allenatore, in panchina. Se guardi al Manchester City Pep Guardiola, travolge chi suona. La struttura è imposta agli individui. Puoi sederti a De Bruyne, il calciatore più talentuoso. E non succede niente.

Read:   Vittoria campione Verstappen, podio Sainz e ritiro Alonso

Notizie correlate

Xavi devi aspirare a qualcosa di simile. Che la conoscenza delle posizioni e dei movimenti sincronizzati riduca l’importanza delle assenze che gli infortuni o gli stati di forma provocano. Le grandi squadre funzionano in questo modo.

Ciò non toglie che noi guardiamo ai calciatori, che il gioco appartiene a loro e sono loro a decidere le partite con il giusto o lo sbagliato davanti alla porta, come ieri. Aubameyang. UN bianco con assistenza. UN Pedram eppure lo fa a soli 19 anni. Il ragazzo odora di genio.

Articolo precedenteÈ morto il biologo François Gros, co-scopritore dell’RNA messaggero
Articolo successivoLa nuova piattaforma di social networking di Donald Trump, Truth Social, è stata lanciata lunedì nell’App Store di Apple