Home Economia I prezzi del gas aumentano drasticamente dopo che Putin ha ordinato all’esercito...

I prezzi del gas aumentano drasticamente dopo che Putin ha ordinato all’esercito russo di avanzare nei territori separatisti

98
0

Secondo la fonte citata, anche se non ci sono dettagli sul numero dei soldati o quando i soldati russi arriveranno nei territori separatisti filorussi dell’Ucraina, un conflitto potrebbe interrompere le forniture russe di gas naturale all’Europa, di cui un terzo passano normalmente attraverso gli oleodotti ucraini.

Inoltre, le sanzioni contro Mosca potrebbero interrompere le transazioni energetiche e ridurre la capacità della Russia di commerciare in valute estere, sconvolgendo i mercati delle materie prime, dal petrolio e dal gas ai metalli e ai prodotti agricoli, riferisce Agerpres.

“Questo significa prezzi del gas più alti per un periodo più lungo, in un contesto in cui il mercato è molto teso da diversi mesi. Potrebbero seguire alcune sanzioni statunitensi e europee “, ha affermato Katja Yafimava, analista dell’Oxford Institute for Energy Studies.

All’hub del gas di Amsterdam, dove sono fissati i prezzi di riferimento del gas naturale in Europa, i futures per il prossimo mese sono saliti a 82 euro per un’ora Megwat martedì mattina.

Successivamente le quotazioni sono scese leggermente a 80 euro per un Megwat-ora, ma anche così il prezzo è superiore del 10% rispetto a quello registrato lunedì sera.

Read:   Fermare le forniture di gas alla Russia avrebbe profonde conseguenze per l'economia europea ANALIZZARE

Gli ambasciatori dell’UE si incontreranno martedì per discutere le possibili sanzioni in risposta al decreto di Putin, anche se potrebbero essere necessari diversi giorni per finalizzare un pacchetto di misure.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha definito il riconoscimento da parte della Russia dell’indipendenza dell’Ucraina dai territori separatisti filorussi una flagrante violazione del diritto internazionale, dell’integrità territoriale dell’Ucraina e degli accordi di Minsk.

“L’UE e i suoi partner reagiranno con unità, fermezza e determinazione in solidarietà con l’Ucraina”, ha affermato Ursula von der Leyen in un post su Tweeter.

Martedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha annunciato che sospenderà l’autorizzazione del controverso gasdotto Nord Stream 2 che collega Russia e Germania, dopo che Mosca ha riconosciuto l’indipendenza delle regioni separatiste filo-russe dell’Ucraina Donetsk e Lugansk, riferisce AFP.

“Senza questa certificazione, il Nord Stream 2 non può essere messo in servizio”, ha detto Olaf Scholz in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro irlandese Micheal Martin.

Tale procedura è stata sospesa alla fine dello scorso anno dopo che l’operatore è stato obbligato a rispettare alcuni requisiti espressi dall’Autorità tedesca per l’energia.

Read:   L'economia dell'Arabia Saudita cresce del 9,6% nel primo trimestre del 2022, supportata dalle vendite di petrolio

Tuttavia, gli esperti affermano che l’Europa è ora in una posizione molto migliore per affrontare possibili interruzioni dell’approvvigionamento di gas rispetto alla situazione alla fine dello scorso anno.

Condizioni meteorologiche favorevoli e consegne record di gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti hanno rallentato il rilascio di gas dagli stoccaggi, tanto che entro la fine di questo mese il grado di riempimento dei depositi europei dovrebbe tornare alla media pluriennale di questo periodo, dopo che in precedenza scendendo a un livello record.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteP50 Pro, il miglior smartphone Huawei con la migliore fotocamera [TECH REVIEW]
Articolo successivoOctavia Geamănu, sulla relazione con Marian Ionescu: “Penserei che le sia successo qualcosa se venisse da me con un regalo in un certo giorno del calendario”