Home Sport Ibaka e il suo futuro in Clippers: “Lo lascio nelle mani di...

Ibaka e il suo futuro in Clippers: “Lo lascio nelle mani di Dio qualunque cosa accada”

90
0

Serge Ibaka ha firmato la sua migliore partita finora in questa stagione con 20 punti, 8 rimbalzi e 2 assist nella vittoria contro Lakers (110-111) e, dopo l’incontro, ha indirizzato ai media la sua presenza irregolare quest’anno in Clipper di Los Angelescircostanza che potrebbe portare a un’altra squadra prima della fine del mercato.

Alla domanda di un giornalista se sarebbe soddisfatto di essere il terzo centro dei Clippers (dopo Ivica Zubac e Isaia Hartenstein) alla chiusura del mercato NBA (10 febbraio), Ibaka ha risposto prima con un sospiro e poi ha riflettuto su ciò che può e non può controllare.

“Lascio tutto nelle mani di Dio, qualunque cosa accada”, ha detto. “Credo in Dio e tutto ciò che posso fare è fare la mia parte: essere professionale, continuare a lavorare, prendermi cura del mio corpo e della mia mente. Questo è tutto ciò che posso controllare”, ha aggiunto.

Canestro vincente di Reggie Jackson

Ibaka ha avuto una fantastica prestazione stasera nella vittoria “estremista” dei Clippers sui Los Angeles Lakers (111-110) grazie a un canestro di 4 secondi di Reggie Jackson. Il centro spagnolo ha aggiunto i suoi 20 punti con una serie di 9 su 15 in tiri), oltre a 8 rimbalzi, 2 assist e 2 stoppate in 34 minuti uscendo da titolare.

Read:   Sorteggio Champions League: il Real Madrid ripeterà la battaglia contro il Chelsea

Dopo essere tornato da un infortunio alla schiena che gli ha permesso di giocare solo 43 partite la scorsa stagione, Ibaka è entrato nella rotazione dei Clippers in modo irregolare in questa stagione ed è stato spesso superato da Zubac e Hartenstein nel gioco interno degli Angels.

Ad esempio Ibaka ha esordito stasera contro i Lakers e lunedì scorso contro gli Indiana Pacers (14 punti e 11 rimbalzi in 22 minuti) per l’assenza di Zubac, ma nelle precedenti tre partite dei Clippers era una riserva e non ha superato i 7 minuti in campo.

Il contratto di Ibaka includeva un’opzione di risoluzione dopo il suo primo anno che il giocatore avrebbe potuto esercitare per lasciare i Clippers.

Ha quindi deciso di continuare nella franchigia degli Angels, ma ora nella NBA circolano voci che lo hanno messo fuori dai Clippers prima che la scadenza del trasferimento venga raggiunta in questa stagione.

Read:   L'Unics si vendica del Barça a Kazan

I tuoi numeri più bassi

Ibaka, 32 anni, ha una media di 6,6 punti, 4,2 rimbalzi e 15,3 assist a partita, il record più basso dalla sua stagione da rookie con l’Oklahoma City Thunder nel 2009-2010.

“Sto recuperando il ritardo. Sapevo che mi ci sarebbe voluto un po’”, ha detto Ibaka della sua performance. Il pivot ha ammesso di aver dovuto adattarsi al ruolo secondario che ha dovuto ricoprire quest’anno nella squadra guidata da Tyronn Lue. “Questo è tutto quello che c’è da fare. Tutto quello che posso fare è continuare a lavorare per essere pronto”, ha detto.

Comunque, Ibaka Ha detto con un sorriso che oggi è stata una “buona vittoria” e ha sottolineato che i Clippers stanno facendo un ottimo lavoro durante le assenze per infortunio alle loro due stelle. Kawhi Leonard e Paul George.

Notizie correlate

dvp/ca

(foto)

Articolo precedenteAlexandru Arşinel, la prima apparizione dopo il trasporto in ospedale: “A volte i guai ti colpiscono”
Articolo successivoCalendario degli atleti spagnoli alle Olimpiadi invernali di Pechino 2022