Home Sport Il Barça rallenta la serie di vittorie del Real e conquista un’altra...

Il Barça rallenta la serie di vittorie del Real e conquista un’altra classica

108
0

Il Barça sembrava inarrestabile un mese e mezzo fa, quando ha battuto il Real Madrid nell’ultima Eurolega Classic. Dopo aver dominato quella partita dall’inizio alla fine, il Barça ha iniziato come favorito per il prossimo duello con i bianchi, che si sarebbe giocato il 2 gennaio. Ma le vittime del covid hanno costretto lo scontro a rimandare a questa domenica, e da allora il quadro è completamente cambiato. Dall’ultima Classic, i giocatori del Madrid hanno pareggiato otto vittorie mentre i giocatori del Barça avevano perso quattro delle ultime cinque partite. Ma nel Wizink il Barça è uscito pronto a riconquistare la sua versione migliore e ha preso d’assalto la faida bianca.

E lo ha fatto senza ricorrere alla migliore versione di Mirotic. Sarunas Jasikevicius Ha recuperato la sua stella, che nell’ultima sfida contro la sua ex squadra ha raggiunto il record di punteggio in Eurolega (39) e ha eguagliato il record di reti (31). Dopo aver superato il covid non è andata tanto bene, ma ha messo una tripla decisiva.

Pablo Laso poteva anche contare di nuovo Edy Tavares, anche lui appena uscito dalla quarantena, oltre che con Gaby Deck. Nove mesi dopo aver intrapreso la sua fallita avventura americana e aver flirtato con il Barça, l’esterno argentino si veste ancora una volta di bianco. Ma il Barça ha amareggiato il suo ritorno e il suo tributo Felipe Reyes, ex capitano del Real Madrid che si è ritirato a giugno dopo 17 stagioni.

Read:   La nazionale spagnola promuove la sua partita a Barcellona contro l'Albania in catalano

Sanli vince il duello con Tavares

È stato un trionfo corale, basato sul miglioramento dell’intensità e della difesa. L’intensità di Davies da entrambe le parti e le triple di Kuric e Mirotic regalano all’intervallo un leggero vantaggio (40-42). In fondo allo spogliatoio il Barça esce molto più intenso, aprendo il primo grande varco nella mano di Sanli. Il centro ottomano non solo ha lottato con Tavares in difesa, ma ha anche cortocircuitato il gigante bianco con il suo tiro da esterno, aggiungendo 10 punti nel terzo atto.

Grazie al ‘cartellino turco’, il muro di Jasikevicius è stato piazzato nell’ultimo atto con nove punti in entrata, che sembravano un mondo in una partita che era stata pareggiata molto alla pari nel primo tempo. Ma il Real ha rafforzato la difesa e il punteggio. Quando c’è stata più turbolenza, Sanli è riemerso, rannicchiato sotto i due cerchi. E, quando è andato in panchina, la solidità difensiva dei compagni ei calci di punizione hanno tenuto a galla la nave del Barcellona fino a quando una tripla di Mirotic ha messo a 20 secondi dal termine un decisivo 73-81. Kuric, sempre da 6.75, ha chiuso il punteggio e pareggiato con Sanli come capocannoniere dello scontro.

Read:   Tour of Catalonia 2022: Sergio Higuita, il 'Mostro di Medellin', si aggiudica la vittoria

Buon ritorno di Laprovittola

Notizie correlate

“Sarà sempre difficile qui, ma siamo contenti di non essere arrivati ​​qui in ottima forma”, ha detto Jasikevicius, prima di sottolineare l’atteggiamento di Mirotic e Laprovittola, che hanno ricevuto un ottimo punteggio dai loro ex tifosi. “Non è facile per i due Nicose, ma sono stati molto solidi e concentrati”.

Mentre Mirotic ci è abituato, è stata la prima visita di Laprovittola al suo vecchio padiglione da quando ha preso il ponte aereo in estate. “E’ una vittoria molto importante per tutti, soprattutto per me, come ho detto alla mia ragazza. Mi sono concentrato e ho cercato di essere il più solido possibile”, ha detto la base, la più apprezzata del battito. “Le cose sono venute fuori ed è un segno di chi siamo come squadra”.

Articolo precedenteMuore Pato Álvarez, figura trasformatrice e divisiva del tennis spagnolo
Articolo successivoLa pillola Pfizer Covid-19 sarà approvata dall’Autorità europea per i medicinali entro la fine del mese