Home Sport Il Chelsea ha finito le carte di credito

Il Chelsea ha finito le carte di credito

60
0

La banca inglese Barclays ha congelato i suoi conti Chelsea e ha temporaneamente squalificato le sue carte di credito per le sanzioni imposte dal governo britannico al club e al suo proprietario, Roman Abramovich.

Il Chelsea, che non può commerciare con i giocatori o fare soldi attraverso la vendita di merchandising e biglietti, ha ricevuto dal governo un permesso speciale per continuare a operare e pagare i suoi dipendenti, ma Barclays è in attesa di confermare che può far guadagnare loro soldi senza violare le sanzioni britanniche .

Ciò ha lasciato il Chelsea in una situazione molto delicata, poiché molti dei dipendenti del club che hanno le carte alla Barclays non possono usarle e il club non può pagare i propri stipendi senza accedere a quei conti.

Read:   Alexia dice che Barça-Madrid significa "inizio di una nuova era"

Massimo 500.000 sterline

Notizie correlate

Nonostante abbia passato il set ‘Blu’, il club è fiducioso che la situazione migliorerà presto e che il governo consentirà loro di andare avanti con l’operazione di cessione, che separerebbe la squadra di Abramovich e gli permetterebbe di tornare alla normalità.

Il Chelsea ha battuto il Norwich City giovedì e domenica affronterà il Newcastle United allo Stamford Bridge, la prima partita casalinga da quando sono state imposte le restrizioni. Secondo il governo, il Chelsea potrà spendere solo £ 500.000 per ristorazione, sicurezza e pulizia per le partite casalinghe, e solo i membri e coloro che hanno acquistato i biglietti prima del 10 marzo potranno partecipare.

Read:   "Il calcio non mi ha lasciato, l'ho lasciato a lui"

Articolo precedenteLa Premier League separa Abramovich dal Chelsea
Articolo successivoCome è iniziata la storia tra Ringo Starr, il leggendario batterista dei Beatles, e la sua attuale moglie. I drammi che hanno vissuto insieme