Home Technologia Il Dipartimento di Stato è preoccupato per i dati classificati della Croce...

Il Dipartimento di Stato è preoccupato per i dati classificati della Croce Rossa trapelati dopo il recente attacco informatico

62
0

Le autorità statunitensi hanno espresso preoccupazione per i dati riservati trapelati dal Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), a seguito di un attacco informatico di gennaio. Lo ha affermato mercoledì il capo del servizio stampa del Dipartimento di Stato, Ned Price, la dichiarazione corrispondente è stata pubblicata sul sito web del ministero.

“Siamo allarmati dalla fuga di dati sensibili archiviati nei database del Comitato internazionale della Croce Rossa”, ha affermato Price. “Questo incidente informatico ha influito sulla capacità della rete umanitaria globale di trovare persone scomparse e riunire le famiglie”.

Il capo del servizio stampa del Dipartimento di Stato ha anche sottolineato l’importanza di utilizzare questi dati esclusivamente per lo scopo previsto: le informazioni che il CICR “riceve e utilizza” svolgono un ruolo decisivo nell’attuazione delle sue funzioni di fornitura di servizi medici e protezione umanitaria”.

Read:   La sicurezza informatica, una delle maggiori sfide del presente

Il 19 gennaio, il quartier generale della Croce Rossa a Ginevra ha segnalato un attacco informatico alla sua base di intelligence. L’obiettivo era una società svizzera con la quale il CICR ha un contratto di archiviazione dati. Queste azioni, secondo il CICR, hanno compromesso l’identità di oltre 515.000 persone altamente vulnerabili, comprese quelle che sono state separate dalle loro famiglie a causa di conflitti, migrazioni e disastri, così come le persone scomparse, le loro famiglie e quelle in prigione. . Queste informazioni in precedenza provenivano da almeno 60 Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Il CICR ha espresso preoccupazione per il potenziale rischio di divulgazione pubblica di coloro che la Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa cercano di proteggere e assistere se stessi e le loro famiglie. La leadership dell’organizzazione ha esortato gli autori dell’attacco informatico a non pubblicare i dati a cui potevano accedere ea non venderli o utilizzarli in altro modo. Il CEO dell’organizzazione, Robert Mardini, ha annunciato la sua disponibilità a parlare con gli hacker, sia direttamente che in forma anonima.

Read:   BenQ annuncia i monitor da gioco MOBIUZ EX3210U e EX2710U

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteCome la giovane Elisabetta apprese che sarebbe diventata regina d’Inghilterra. Re Giorgio VI morì prematuramente a soli 57 anni
Articolo successivoKhloe Kardashian, nella sua migliore forma fisica finora. A 37 anni è un’adolescente