Home Economia La BCE esorta le banche della zona euro a migliorare la protezione...

La BCE esorta le banche della zona euro a migliorare la protezione informatica in mezzo alle tensioni russo-ucraine

116
0

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione [băncilor] per rafforzare le sue misure informatiche e analizzare un potenziale aumento degli attacchi e il pericolo di tali attacchi in futuro”, ha dichiarato giovedì in conferenza stampa Andrea Enria, presidente del consiglio di sorveglianza della Banca centrale europea.

“Attireremo anche l’attenzione delle banche sul possibile peggioramento delle tensioni globali, che potrebbero infatti innescare più attacchi”, ha affermato Enria.

Enria ha anche affermato che la Bce, la banca centrale dei 19 paesi dell’Ue che hanno adottato l’euro, sta prestando “una crescente attenzione alla capacità delle banche di garantire la propria sicurezza”.

“È un’area difficile”, ha affermato, aggiungendo che la banca centrale ha bisogno di più persone con le giuste competenze per monitorare gli attacchi informatici.

Read:   I prezzi del petrolio scendono a causa dei timori di una nuova epidemia di Covid in Cina

Stiamo prestando molta attenzione a questi ambiti e, anzi, ci aspettiamo che le banche rafforzino le loro difese”.

Enria ha affermato che la BCE ritiene che “c’è una preoccupazione” per gli attacchi informatici in un senso più ampio, ma non ha dettagliato i dettagli.

Per quanto riguarda la Russia e le potenziali sanzioni in caso di aumento delle tensioni al confine con l’Ucraina, Enria ha notato l’esposizione diretta di alcune banche europee a Russia e Ucraina, ma ha affermato che “non è una grande preoccupazione” perché tendono ad essere relativamente limitate e localmente finanziato.

Mosca ha negato i piani per invadere la vicina Ucraina, ma ha dispiegato circa 130.000 soldati, carri armati, missili e persino rifornimenti di sangue al confine.

Il Cremlino ha chiesto che l’Ucraina non possa mai diventare un membro dell’alleanza militare della NATO e ha anche affermato di volere che l’organizzazione si ritiri dall’Europa orientale.

Read:   Invasione dell'Ucraina: effetti devastanti per i russi comuni

Il Dipartimento dei servizi finanziari di New York ha emesso un avviso alle istituzioni finanziarie a fine gennaio avvertendo di attacchi di ritorsione informatica se la Russia invadesse l’Ucraina e innescasse sanzioni statunitensi, secondo Thomson Reuters Regulatory Intelligence.

Gli hacker legati alla Russia sono stati accusati in passato di diversi attacchi informatici su larga scala, incluso il famigerato attacco informatico alla società statunitense SolarWinds nel 2020, ma il Paese non ha rivendicato alcuna responsabilità.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteRoxana Ciuhulescu ha seri problemi di salute dopo aver partecipato allo spettacolo “Survivor”
Articolo successivoMuore a 75 anni Ian McDonald, membro fondatore dei King Crimson and Foreigner