Home Economia La Germania spiega perché non sostiene l’esclusione della Russia da SWIFT: “Avrebbe...

La Germania spiega perché non sostiene l’esclusione della Russia da SWIFT: “Avrebbe effetti enormi anche sulle aziende tedesche”

95
0

“L’arresto di SWIFT richiederebbe una formazione tecnica complessa e avrebbe enormi effetti sui trasferimenti di pagamento in Germania e per le società tedesche nei loro rapporti con la Russia”, ha affermato il dirigente di Berlino Steffen Hebestreit, portavoce di Agerpres.

La Germania non è stata l’unica ad esitare al vertice dell’UE di venerdì mattina, ha affermato Hebestreit. “Ho notato che Francia e Italia, tra gli altri, avevano obiezioni”, ha detto.

L’esclusione della Russia da SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication) è considerata una misura che paralizzerebbe il sistema bancario russo. Più di 11.000 istituti finanziari in 200 paesi utilizzano SWIFT per scambiare informazioni di pagamento.

Read:   Il birrificio Heineken sospende le attività in Russia. Come verranno pagati gli stipendi dei dipendenti e quali perdite potrebbe subire l'azienda

I leader politici dell’UE hanno concordato al vertice un pacchetto di sanzioni finanziarie contro la Russia, comprese alcune sanzioni personali, ma non un divieto di accesso della Russia a SWIFT.

Hebestreit ha respinto le critiche del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

“Parole come una tigre senza zanne o tutto è troppo poco non corrispondono pienamente ai fatti”, ha detto il portavoce, osservando che le sanzioni imposte finora hanno subito influito sul volume degli scambi effettuati dalla Russia.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteDonald Tusk: “I governi Ue che hanno bloccato dure sanzioni contro la Russia si sono vergognati”. Quali sono questi
Articolo successivoLa complicata vita della principessa Ileana, la figlia prediletta della regina Maria. Dettagli senza precedenti sul più giovane dei discendenti di re Ferdinando