Home Technologia La missione cinese Chang’e-4 ha scoperto globi di vetro sul lato invisibile...

La missione cinese Chang’e-4 ha scoperto globi di vetro sul lato invisibile della luna

119
0

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science Bulletin, il rover Yutu-2 ha catturato in immagini due globuli traslucidi con l’aiuto della fotocamera panoramica di cui è dotato, informa Agerpres.

Non sono stati ottenuti dati sulla composizione dei due globuli. La loro morfologia unica e il contesto locale suggeriscono che molto probabilmente si trattava di vetro da impatto – materiale fuso a base di anortosite durante eventi di craterizzazione – piuttosto che oggetti di origine vulcanica o che hanno raggiunto la luna con altri corpi celesti, hanno detto i ricercatori.

Il selenio anortosite è una roccia presente negli altopiani, formatasi nell’oceano di magma sulla luna.

I due oggetti sono diversi da quelli presi dalle missioni Apollo, secondo i ricercatori, perché sono più grandi e hanno colori, secondo la fonte citata.

Read:   Google introduce una nuova tecnologia per sostituire i cookie, con maggiore enfasi sulla privacy

Secondo gli esperti, i globuli di vetro si trovano in abbondanza nelle aree alte della Luna, fornendo obiettivi promettenti per la raccolta di materiale di selenio che potrebbe portare importanti informazioni sulla storia antica della Luna.

La navicella Chang’e-4, lanciata l’8 dicembre 2018, è scesa nel cratere Von Karman, situato nell’Aitken Basin al Polo Sud sul lato invisibile della Luna (la parte che non è mai rivolta verso la Terra e quindi non può essere visto da sulla Terra), 3 gennaio 2019. Da allora, Yutu-2 ha percorso oltre mille metri. La missione è stata una prima storica, con la Cina che è stato il primo paese ad atterrare dalla parte invisibile della luna.

Read:   AMD e Qualcomm presentano FastConnect 6900 sui PC AMD Ryzen della serie PRO 6000

Dalla Terra possiamo vedere solo una faccia della Luna, perché il satellite naturale della Terra ha un periodo sinodico pari al suo periodo di rivoluzione (27,3217 giorni), essendo in rotazione sincrona con la Terra.

L’invisibile emisfero al selenio sulla Terra è stato fotografato e mappato solo con l’aiuto di sonde spaziali, la prima è stata la navicella spaziale sovietica Luna 3 nel 1959. Le prime persone a vederlo direttamente furono gli astronauti dell’equipaggio della missione Apollo 8. orbitò attorno alla Luna nel 1968.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteXavi: “Valencia è un’altra finale, sarà dura, è molto rocciosa”
Articolo successivoIl Manchester United migliora e batte il Leeds prima di visitare l’Atletico Madrid