Home Technologia La scheda ADATA Premier Extreme SDXC ottiene per la prima volta la...

La scheda ADATA Premier Extreme SDXC ottiene per la prima volta la verifica SD7.0

115
0

Questo stato indica che questa scheda SD Express soddisfa gli standard di interfaccia SDA per prestazioni e affidabilità. La Premier Extreme SDXC Express Card consente agli utenti di sfruttare appieno i più recenti laptop compatibili con SD Express di tutte le principali marche di PC.

Con il supporto per Gen3x1 e NVMe PCIe, la scheda ADATA Premier Extreme SDXC SD7.0 Express offre velocità di lettura e scrittura fino a 800/700 MB/s, circa 1,5 volte più veloce degli SSD SATA.

Rispetto alle schede SD UHS-II e alle schede SD UHS-I, questo modello è rispettivamente circa 2,7 e 8 volte più veloce. La Premier Extreme SDXC Express Card è compatibile con lo standard UHS-I. Può essere inserito in fotocamere digitali per scattare foto o video 4K e quindi inserito in un computer che supporta SD 7.0 per la modifica o la riproduzione.

Read:   Apple lancerà un iPhone 5G economico intorno all'8 marzo

La Premier Extreme SDXC Express Card è compatibile con apparecchiature video UHS-I con una velocità di lettura e scrittura di 100 MB/s ed è conforme alla classe di velocità video V30. Ciò significa che è qualificato per funzionare con applicazioni di registrazione video Ultra HD 4K. La scheda Premier Extreme SDXC Express ha una capacità di 256 GB o 512 GB.

La Premier Extreme SDXC SD7.0 Express Card ha un codice di correzione degli errori per garantire l’accuratezza dei dati. È resistente all’acqua, agli urti e ai raggi X ed è stato testato per prestazioni ottimali ad alte e basse temperature.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteLa crisi dei chip sta colpendo duramente il mercato cinese degli smartphone
Articolo successivoRenault prevede, nel 2022, una produzione di veicoli con 300.000 unità in meno di quanto potrebbe essere. Carenza di chip, la causa principale