Home Sport La Spagna affronterà nuovamente il Portogallo e si batterà per il bronzo...

La Spagna affronterà nuovamente il Portogallo e si batterà per il bronzo nel Campionato Europeo di Futsal

74
0

Portogallo è diventato il bestia nera a partire dal Squadra spagnola di futsal. La squadra di Fede Vidal ha perso un vantaggio di due gol (3-2) nel Semifinali europee e dovrai farlo lotta per il bronzo contro l’Ucrainache ha perso contro Russia una partita con molta morbosità ma disputata senza shock. La Spagna è salita sul podio nelle 11 edizioni finora disputate (7 ori, 2 argenti e 2 bronzi).

La Spagna aveva a cattiva memoria del Portogallo, suo boia ai supplementari nell’ultima finale continentale e anche nei quarti di finale del Mondiale dello scorso anno. Un’intera prima finale quella è stato messo davanti ai 17 secondi con un gol di Raul Go’mez Assist di Sergio Lozano. Inizio imbattibile.

Il Portogallo non ha esitato ad attaccare, ma la migliore difesa del torneo ha resistito, a volte con un aiuto, come un’azione in cui Pany Varela ha sparato due volte al bastone. La Spagna stava prosciugando l’acqua e stava aggiungendo falli. Ha commesso il quinto con 8:40 da giocare, ma quando le cose sono andate peggio hanno ottenuto lo 0-2. Mellado ha commesso fallo a lato Si No, che sembrava non segnato e non si preoccupava della distanza. Ha sparato e André Sousa non ha potuto reagire in tempo, bloccato da diversi giocatori.

Read:   Girona ha una piccola festa davanti a Ponferradina

I “fantasmi”

Ma due gol davanti al Portogallo non sono garanzia di nulla. Nel Mondiale in Lituania anche la Spagna è andata 2-0 e la partita è finita 2-4 ai supplementari. Prima dell’intervallo, i portoghesi hanno colpito ancora un legno e dopo la ripresa ha continuato a spingere una Spagna che soffriva, perdeva troppo palla e viveva un passo avanti ogni minuto che passava.

Come risultato di quella insistenza, il Portogallo ha tagliato le distanze con un rigore trasformazione di Bruno Coelho. Malaugurio. La finale dell’ultimo Europeo si è già decisa contro la Spagna con un tiro di sei metri del giocatore del FF Napoli. Quel brutto ricordo attraversò la mente degli spagnoli (“ci ha portato dei fantasmi”, ha riconosciuto Lozano”) quando, 1 minuto e 14 secondi dopo, Tè Zicky ha pareggiato il punteggio con una barra dopo aver stordito il suo marcatore nella parte anteriore.

Zicky Tea, differenziale

Solo la botta del pareggio ha spinto la Spagna a lasciare l’angolo e ad andare alla ricerca di una vittoria che però sarebbe caduta sui portoghesi con un altro gol di Zicky Té (già segnato contro il Barça nella finale di Champions League), questa volta finendo quasi involontariamente con il pube un colpo di un partner. L’imponente giocatore dello Sporting de Lisboa, campione nell’ultimo anno di campionato portoghese, Coppa e Supercoppa, Campioni e Coppa del Mondo con la sua selezione ha condannato il Portogallo alla finale.

Notizie correlate

Read:   Il 21° Grande Slam di Natale arriva pieno di record

La Spagna, che aveva subito solo quattro gol nell’intero torneo, aveva 1,19 minuti per cercare il pareggio, ma il colpo era già stato definitivo. “È una delusionevolevamo fare qualcosa di bello, qualcosa di grande, perché la linea era molto buona, ma nel secondo tempo non siamo riusciti a tenere il punteggio”, ha spiegato Lozano. “Volevano andare oltre e non siamo riusciti a contrastare il tuo quantità di moto. Siamo stati più attenti a non regalare occasioni che a continuare a giocareha riconosciuto.

Articolo precedenteStudio: Non sarebbe necessaria la dose di richiamo di Moderna contro Omicron
Articolo successivo“Voglio tornare e vincere come ha fatto Rafa Nadal”