Home Sport La squadra del Barça ha segnato la terza sconfitta in campionato contro...

La squadra del Barça ha segnato la terza sconfitta in campionato contro il Real Madrid (5-0)

69
0

Il Barça continua a battere record e ha preso con autorità offensiva il suo settimo campionato, il terzo consecutivo, superando il record di precocità che aveva segnato l’anno precedente e potendo finalmente festeggiarlo in campo. Nel maggio 2020 sono stati confinati quando sono stati proclamati campioni dopo che il covid ha permesso di celebrare solo 21 giorni di campionato. L’anno scorso hanno cantato la bandiera in un hotel di Tenerife, grazie al pareggio del Levante contro l’Espanyol alla 29a giornata. Ora, a sei partite dalla fine, hanno finalmente potuto festeggiare in campo battendo il Real Madrid allo stadio Johan Cruyff.

I giocatori del Barça non hanno voluto perdere l’occasione di essere incoronati in casa e contro il Real Madrid. È stata la prima Classica femminile con un pubblico nella città dello sport e c’è stato il riempimento, il cui antipasto sarà nel ritorno della Champions contro i bianchi al Camp Nou (per i quali i biglietti erano esauriti). Alessia Putella, che in caso contrario ha deciso la partita e ha posto fine alla resistenza di Madrid in un batter d’occhio. Prima con un tiro da fuori area che devia un avversario e un paio di minuti dopo, quando gli spalti ancora festeggiavano il gol, il miglior giocatore del mondo segna il 2-0. Il Pallone d’Oro ha vinto 23 gol in tutte le competizioni in questa stagione.

Nonostante gli siano stati negati due gol legali e non sia stato chiamato un netto rigore su Jenni Hermoso, il blocco di Jonatan Giraldez non aveva bisogno che gli rendessero omaggio. Padre Guijarrocon un altro artiglio dalla parte anteriore, e un po’ nella porta di Peter mentre cercava di liberare un centro Graham Hansen mettono fine a ogni accenno di incertezza, trasformando l’ultima mezz’ora in una festa anticipata in onore di una squadra leggendaria. Y Jenni Hermosoa 10 minuti dalla fine e dopo un ottimo assist di Alexia, certifica il tuttofare con un gol dalla squadra.

Read:   Il Real Madrid convince contro il Maccabi a segnare il 2-0

Record di presenze

Hanno perso solo uno scontro di campionato da maggio 2019. L’ultimo è stato nel giugno dello scorso anno, quando hanno perso contro l’Atletico, ponendo fine a una serie di vittorie consecutive. 758 giorni di imbattibilità. Ora, dopo aver aggiunto 136 gol a favore e solo 6 contro questa campagna, aspirano a essere i primi a ottenere vittorie complete in campionato. L’anno scorso, con la Champions e una storica tripletta, sembrava imbattibile, ma gli attuali campioni continentali hanno deciso di alzare ancora un po’ l’asticella. Dopo aver sollevato il Supercoppa, l’unico trofeo che gli è sfuggito nel 2021, ora aspirano a passare dal trio al poker, ribadendo le corone e la coppa europea. Finora sono stati in grado di detenere il primo titolo al Johan Cruyff, che ha un record di presenze di 5.430 spettatori.

“Il primo, ma non l’ultimo”

“Doveva essere una giornata rotonda, quindi abbiamo lavorato duramente per divertirci e spero che lo abbiano fatto anche i catalani”, ha detto. Alessia Putella prima di alzare il titolo. “Oggi è stata una giornata importante, dovevamo segnare il territorio per la qualificazione alla Champions. Con queste persone vogliamo essere a Torino”. A Göteborg, dove hanno vinto il loro primo titolo europeo battendo 4-0 il Chelsea, non restava che festeggiare con i tifosi, una spina che ora vogliono togliere sul suolo italiano. “Vogliamo che sia il primo, ma non l’ultimo, andiamo tutti”. Mapi Leonche deve ancora farsi il tatuaggio che aveva promesso di farsi se avessero vinto a Göteborg, non ha ancora deciso cosa fare se riconvalideranno il trono continentale ma è chiaro che “sarebbe meraviglioso superare la scorsa stagione”.

Notizie correlate

Read:   Magia, puledra e tanto mestiere, le virtù di Madrid che amiamo odiare

“È un titolo speciale per come è stato assegnato, perché abbiamo potuto festeggiarlo con i nostri fan e alla prima occasione abbiamo dovuto vincerlo”, ha riconosciuto. Jonatan Giraldez. Assistente di Lluís Cortés nell’anno del terzino e che lo ha sostituito in estate, ha sottolineato “l’ambizione e l’impegno” dei suoi giocatori, che lo hanno trattenuto prima di iniziare a ballare e cantare con i tifosi. “Questi giocatori sono entusiasti di noi. Congratulazioni a loro ea Jonatan per aver mantenuto il livello. È molto divertente vederli giocare, ma vincono in cima. Riparano il tetto su di loro”, ha applaudito. Giovanna Laporta. Sul prato, Melania Serrano, la giocatrice più veterana che ha vinto tutti e sette i campionati, ha mostrato ai suoi due bambini l’ultima conquista di una squadra leggendaria. Quando crescono, puoi dire che fanno parte di un blocco che continua ad abbattere le barriere dentro e fuori dal campo.

Articolo precedenteLa Russia sta cambiando la procedura di calcolo dei rubli rispetto al dollaro e all’euro
Articolo successivoQuello che Vladimir Putin nasconde del suo passato e di quello che gli ha dato la vita