Home Economia La superficie seminata a cereali in Ucraina diminuirà notevolmente nel 2022. Qual...

La superficie seminata a cereali in Ucraina diminuirà notevolmente nel 2022. Qual è stato il raccolto dell’anno scorso

53
0

L’Ucraina è un importante produttore ed esportatore mondiale di cereali e oli vegetali, ma funzionari e agricoltori si aspettano che i raccolti e le esportazioni diminuiscano nel 2022 a causa della guerra, informa Agerpres.

Secondo la fonte citata, l’anno scorso l’Ucraina ha raccolto un record di 86 milioni di tonnellate di grano, dopo aver seminato 7,7 milioni di ettari con grano primaverile.

“Dopo che le truppe russe sono entrate nel territorio dell’Ucraina ea seguito delle continue ostilità in molte importanti regioni, non c’è alcuna opportunità fisica per iniziare a seminare”, affermano gli analisti di APK-Inform.

La società di consulenza non ha fornito alcuna stima per il raccolto di grano dell’Ucraina nel 2022.

D’altra parte, i rappresentanti dell’APK-Inform stimano che circa due milioni di ettari seminati a frumento invernale, orzo e segale in Ucraina potrebbero essere danneggiati o non disponibili per il raccolto a causa delle ostilità, così che alla fine l’Ucraina potrebbe raccogliere quest’anno solo cereali coltivazioni su una superficie di 5,5 milioni di ettari di terreno.

Read:   Il Regno Unito elimina i dazi doganali sulle merci importate dall'Ucraina. Sono particolarmente presi di mira l'orzo, il pollame e i pomodori in scatola

“Ciò significa una perdita del 28%”, afferma la società di consulenza.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato la scorsa settimana che il paese dovrebbe seminare raccolti primaverili il prima possibile, nonostante l’invasione russa.

L’Unione dei produttori agricoli dell’Ucraina ha anche stimato che quest’anno gli agricoltori potrebbero ridurre la superficie seminata a girasole, colza e mais per sostituirli con cereali come grano saraceno, avena e miglio.

L’Ucraina inizia tradizionalmente la semina primaverile a fine febbraio o inizio marzo, ma quest’anno la semina primaverile è stata notevolmente ritardata.

L’Ucraina ha già sospeso le esportazioni di segale, avena, miglio, grano saraceno, sale, zucchero, carne e foraggi nel contesto dell’invasione russa e ha introdotto licenze di esportazione per grano, mais e olio di girasole.

Read:   Elon Musk ha donato $ 5,74 miliardi di azioni Tesla nel novembre dello scorso anno

Alla fine della scorsa settimana, anche l’Ucraina ha vietato l’esportazione di fertilizzanti, tra gli effetti dell’invasione russa.

“Il Consiglio dei ministri introduce una quota zero per l’esportazione di fertilizzanti minerali, il che significa un divieto di esportazione di fertilizzanti in Ucraina”, si legge in una dichiarazione del ministero dell’Agricoltura.

L’istituzione ha affermato che il divieto aiuterebbe a “mantenere l’equilibrio nel mercato interno” e si applica ai fertilizzanti NPK complessi (azoto, fosforo e potassio).

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteÈ morto il cantante R&B Timmy Thomas, noto soprattutto per aver cantato “Why Can’t We Live Together”.
Articolo successivoAMD lancia il processore desktop gaming Ryzen 7 5800X3D