Home Salute Le dosi di richiamo forniscono la migliore protezione contro Omicron, secondo gli...

Le dosi di richiamo forniscono la migliore protezione contro Omicron, secondo gli studi CDC. Ma cosa significa essere completamente vaccinati?

161
0

Questo è il primo dato sulla popolazione a esaminare l’effetto delle dosi di richiamo contro Omicron, che ora rappresenta oltre il 99% dei casi di coronavirus negli Stati Uniti. Lo studio, pubblicato venerdì, solleva la questione se le persone con solo due dosi di vaccino debbano ancora essere considerate completamente vaccinate.

“Penso che dobbiamo ridefinire il vaccino completo come un vaccino a tre dosi”, ha affermato il dottor William Schaffner, un consulente CDC di lunga data che non è stato coinvolto nello studio.

Gli studi hanno una copertura enorme, coinvolgendo milioni di casi, centinaia di migliaia di visite al pronto soccorso e reparti ATI, e l’osservazione di decine di migliaia di ricoveri tra adulti.

La dose di richiamo era efficace al 90% nel prevenire i ricoveri tra dicembre e gennaio, quando Omicron era l’opzione dominante, secondo uno studio del CDC che ha esaminato quasi 88.000 ricoveri in 10 stati. In confronto, le due dosi erano efficaci al 57% quando erano trascorsi almeno sei mesi dalla seconda iniezione.

La dose di richiamo è stata efficace anche nell’82% dei casi nel prevenire le visite ai pronto soccorso e ai centri di pronto soccorso, secondo lo studio, che ha esaminato oltre 200.000 visite in 10 stati. In confronto, l’esecuzione della dose di richiamo è stata efficace nel prevenire solo il 38% di questi casi quando erano trascorsi almeno sei mesi dalla seconda iniezione.

Read:   Presidente dell'Associazione rumena di urologia: cancro del rene, parenchima renale e cancro del tratto urinario rappresentano circa il 9% di tutti i tumori

“Penso che la terza dose sia quella che offre davvero la protezione più forte e migliore”, ha detto Schaffner.

Questo studio è stato pubblicato venerdì nel Morbidity and Mortality Weekly Report (MMWR) del CDC. Un secondo studio, pubblicato anche su MMWR venerdì, ha rilevato che le persone che hanno ricevuto tre dosi di vaccino avevano meno probabilità di essere infettate da Omicron. Analizzando i dati di 25 dipartimenti sanitari statali e locali, i ricercatori del CDC hanno scoperto che tra coloro che sono stati vaccinati con la dose di richiamo, ci sono stati in media 149 casi ogni 100.000 persone, ogni settimana. Per coloro che hanno ricevuto solo due dosi, ci sono stati 255 casi ogni 100.000 persone.

Un terzo studio, pubblicato sulla rivista medica JAMA, ha dimostrato che la vaccinazione di richiamo ha aiutato a prevenire l’assunzione di Omicron. Uno studio su poco più di 13.000 casi di Omicron negli Stati Uniti ha rilevato che le possibilità di sviluppare un’infezione sintomatica erano inferiori del 66% per coloro che erano stati vaccinati con la dose di richiamo rispetto a coloro che avevano ricevuto solo due dosi di vaccino.

Read:   CHI: La variante Omicron è dominante in tutto il mondo, rappresentando quasi il 60% dei casi

Tutti e tre gli studi hanno scoperto che le persone non vaccinate erano a più alto rischio di contrarre il Covid-19.

Il CDC attualmente afferma che una persona è considerata completamente vaccinata due settimane dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino mRNA o due settimane dopo la prima dose di vaccino Johnson & Johnson. Le dosi di richiamo sono raccomandate per tutti i dodicenni che sono stati vaccinati per più di cinque mesi dopo l’ultimo vaccino.

Meno della metà di coloro che hanno diritto a ricevere il vaccino di richiamo lo ha fatto e solo circa un quarto della popolazione totale degli Stati Uniti è completamente vaccinata, secondo i dati del CDC.

Quasi il 20% della popolazione statunitense ammissibile alla vaccinazione – di età pari o superiore a 5 anni – non ha ricevuto una singola dose di vaccino Covid-19.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteCon che tipo di uomo aveva una relazione il principe Andréj? Il documentario che scuote le fondamenta della monarchia britannica
Articolo successivoGli ispanici soffrono fino all’ultimo secondo per battere la Russia nell’Europeo