Home Economia Le esportazioni di gas di Gazprom al livello più basso dal 2015....

Le esportazioni di gas di Gazprom al livello più basso dal 2015. Quanta produzione raggiunta nella prima metà di gennaio

123
0

Il gruppo ha riferito lunedì che nei primi 15 giorni del nuovo anno ha esportato 5,4 miliardi di metri cubi nei suoi mercati principali, che includono la maggior parte dell’Europa, Turchia e Cina, informa Agerpres.

Secondo la fonte citata, tale importo equivale a una media di 360 milioni di metri cubi al giorno ed è inferiore di quasi il 18% rispetto alla media del mese scorso.

Allo stesso tempo, la produzione di gas di Gazprom nella prima metà di gennaio ha raggiunto i 23,1 miliardi di metri cubi, ovvero 1,54 miliardi di metri cubi al giorno, il livello più alto dal 2014, secondo i calcoli di Bloomberg.

Le forniture di gas della Russia all’Europa sono monitorate da vicino poiché la carenza di carburante e l’aumento dei prezzi influiscono sulle economie del continente. La scorsa settimana, la commissaria europea per la Concorrenza Margrethe Vestager ha dichiarato di attendere con impazienza le risposte di Gazprom sulle consegne limitate. In precedenza, il direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia, Fatih Birol, ha accusato la Russia della crisi energetica in Europa.

Read:   Le società straniere che vogliono lasciare la Russia riceveranno protezione dal fallimento nella procedura accelerata

“Né la Russia né il nostro principale esportatore Gazprom hanno nulla a che fare con questo”, ha detto sabato il vice primo ministro russo Alexander Novak, che ha esaurito i volumi contratti.

In questo contesto, lunedì il gruppo russo Gazprom ha sottolineato di “consegna gas naturale in linea con le richieste dei clienti e nel rispetto degli obblighi contrattuali”.

Secondo i dati di Bloomberg, Gazprom non ha fornito dati dettagliati sulle esportazioni verso ciascun paese, il che rende difficile valutare le consegne all’UE, il più grande acquirente di gas naturale della Russia, ma ha affermato che le consegne a Bulgaria, Turchia e Cina sono aumentate rispetto allo stesso periodo l’anno scorso.

Per più di tre settimane, il gasdotto Yamal-Europa ha inviato gas inverso dalla Germania alla Polonia e le forniture di gas russo attraverso un gasdotto chiave alla Slovacchia attraverso l’Ucraina sono circa un terzo del normale.

Read:   Fitch abbassa a "B" i rating a lungo termine di 31 banche russe

Alla fine di dicembre, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che Gazprom stava rispettando gli accordi di fornitura di gas a lungo termine, aggiungendo che la mancanza di consegne attraverso il gasdotto Yamal-Europa era una conseguenza della mancanza di domanda da parte dei clienti europei.

Gazprom fornisce un terzo del fabbisogno di gas naturale dell’Europa. Il gruppo russo fornisce gas naturale all’Europa attraverso tre rotte principali: il gasdotto ucraino, la rotta Yamal – Europa, attraverso la Bielorussia e la Polonia, e il gasdotto Nord Stream, che collega Russia e Germania, attraverso il Mar Baltico.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteAnteprima sul mercato delle auto: le vendite di auto elettriche hanno superato per la prima volta il diesel
Articolo successivoLa Spagna adotta misure per regolamentare la promozione delle criptovalute, anche da parte degli influencer dei social media