Home Moda e bellezza L’ex papa Benedetto XVI, accusato di inerzia in quattro casi di pedofilia

L’ex papa Benedetto XVI, accusato di inerzia in quattro casi di pedofilia

98
0

Il cardinale Joseph Ratzinger, prima di diventare papa, non ha agito per prevenire gli abusi sugli ecclesiastici in quattro casi, gli autori di questo rapporto, su mandato della Chiesa cattolica, sono stati accusati in conferenza stampa.

Il papa emerito respinge “rigorosamente” ogni responsabilità, in una posizione veicolata agli avvocati, posizione che gli autori del rapporto considerano “incredibile”, ha detto l’avvocato Martin Pusch.

In due casi si tratta di esponenti del clero che hanno commesso diverse aggressioni – tra cui l’attestazione dei tribunali, sottolinea.

I due sacerdoti sono rimasti in chiesa e non è stato fatto nulla, ha accusato.

Questi esperti sono convinti che monsignor Ratzinger fosse a conoscenza del passato pedofilo del sacerdote Peter Hullermann, arrivato nel 1980 dal Nord Reno-Westfalia in Baviera, dove ha continuato i suoi abusi per decenni, senza che gli succedesse nulla.

Read:   Jim Carrey critica Hollywood per il tifo per Will Smith: ero disgustato. L'avrei citato in giudizio per 200 milioni di dollari

Nel 1986 un tribunale lo ha condannato a una pena detentiva sospesa.

Ma il sacerdote è stato trasferito in un’altra città bavarese, dove avrebbe avuto una ricaduta.

Il sacerdote Peter Hullermann è stato costretto a ritirarsi nel 2010.

Joseph Ratzinger ha negato di conoscere il passato di questo sacerdote, il cui caso ha fatto notizia nel 2010 durante il pontificato di Benedetto XVI.

Il rapporto prende di mira anche il cardinale Reinhard Marx, attuale arcivescovo di Monaco e Frisinga, per aver presumibilmente trascurato in due casi sacerdoti sospettati di aver aggredito sessualmente bambini.

Nel rapporto denunciano, nel complesso, l’occultamento sistematico di casi di violenza sessuale su minori nel periodo 1945-2019, al fine, affermano, “di tutelare l’istituzione della Chiesa”.

“Tenere conto” delle vittime “rimane insufficiente per molti aspetti anche dopo il 2010”, quando si sono rivelati i primi scandali di pedofilia nella Chiesa cattolica tedesca, si legge nel rapporto.

Read:   I fratelli Kliciko hanno una storia di vita cinematografica. Sono partiti dal basso e sono diventati gli eroi di un paese

Il Vaticano ha ribadito la sua “vergogna e rimorso” per le violenze sessuali da parte di membri del clero contro minori.

“Esprimendo i suoi sentimenti di vergogna e di rimorso per le violenze sui minori commesse da membri del clero, la Santa Sede assicura a tutte le vittime di essere loro vicina (…)”, Matteo Bruni, direttore della sala stampa vaticana , ha detto alla stampa.

La Santa Sede “esaminerà nei prossimi giorni i contenuti del rapporto tedesco”, ha detto.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteXavi: “In faccia o in croce prendiamo sempre una croce”
Articolo successivoNutrizionista Şerban Damian, consigli su come evitare di ingrassare durante le vacanze