Home Sport L’inno nazionale ucraino suona a Belgrado in onore di Mahuchikh

L’inno nazionale ucraino suona a Belgrado in onore di Mahuchikh

52
0

Yaroslava Mahuchikha soli 20 anni, ha ottenuto con un salto di 2,02 metri un’emozionante vittoria nella finale alta della Mondiali indoor che ha dato alla squadra ucraina la consolazione di ascoltare l’inno nazionale in ela Stark Arena di Belgrado, nel bel mezzo della guerra contro la Russia. Il suo ritorno, in onore della bandiera azzurra e gialla, è stato seguito con commozione dagli spalti dalla delegazione ucraina.

Mahuchikh, provenienti da Dnipro, era responsabile di guidare la piccola squadra ucraina di sei donne (gli uomini sono in guerra) alla ricerca della medaglia d’oro, e aveva le credenziali sufficienti per farlo: bronzo olimpico, argento mondiale e oro indoor europeo, ma c’erano rivali disposte a fermalo, anche se ha beneficiato dell’assenza del russo Maria Lasitskene, tre volte campione del mondo (Pechino 2015, Londra 2017 e Doha 2019) nonché medaglia d’oro ai Giochi di Tokyo nel 2021, privato di mondiale di atletica leggeracome tutta la squadra russa.

Read:   Così gioca l'Eintracht, rivale dell'FC Barcelona in Europa League

Notizie correlate

Non è stato facile, in ogni caso, Mahuchikh perché l’australiano Eleonora Patterson, che ha scalato la classifica mondiale dell’anno con un punteggio di 1,99, era in vantaggio quando ha saltato appena i 2 metri. L’ucraina ha dovuto esaurire i suoi tre tentativi per raggiungere questo obiettivo. Poi ha superato 2,02 nel primo, lasciando il concorso condannato. L’australiano non poteva con quell’altezza.

Il kazako Nadezhda Dubovitskaya ha vinto la medaglia di bronzo con un salto di 1,98, davanti alla montenegrina Marija Vukovic (1.95) e il secondo ucraino, Iryna Gerashchenko (1.92).

Articolo precedenteBloomberg: il commercio Russia-Cina è stato messo a dura prova dall’invasione dell’Ucraina
Articolo successivoLa Russia considera le “importazioni parallele” per sopperire alla mancanza di prodotti delle aziende che si sono ritirate dal Paese