Home Economia L’oligarca russo Mikhail Fridman, dopo che la sua ultima carta di credito...

L’oligarca russo Mikhail Fridman, dopo che la sua ultima carta di credito è stata congelata: non so proprio come vivere

48
0

Fridman, che ha un patrimonio netto di 10,1 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index, è stato sanzionato dall’Unione Europea il 28 febbraio e dal Regno Unito il 15 marzo, scrive businessinsider.com.

Ha descritto le sanzioni dell’UE come “infondate e ingiuste” all’epoca e ha detto che le avrebbe contestate, ha riferito Reuters.

La fortuna di Fridman è crollata di $ 4 miliardi dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina, ha riferito Bloomberg.

“Non so come vivere”, ha detto Fridman a Bloomberg. “Non lo so. Davvero non lo so.”

Fridman, co-fondatore della società di investimento con sede a Londra LetterOne ed ex membro del consiglio della società bancaria russa Alfa-Bank, ha detto a Bloomberg che le sanzioni significavano che la sua ultima carta di credito funzionante nel Regno Unito è stata congelata.

Read:   Renault chiede una moratoria sulle miniere marine, un duro colpo per l'industria

Fridman, che vive nel Regno Unito, ha un’indennità mensile di £ 2.500 ($ 3.300) e deve richiedere una licenza per spendere soldi prima che il governo del Regno Unito decida quanto sia ragionevole la domanda, ha detto a Bloomberg.

“I miei problemi non sono davvero nulla in confronto ai loro problemi”, ha detto a Bloomberg, riferendosi agli ucraini coinvolti nel conflitto.

Fridman si è dimesso dal consiglio di amministrazione di Alfa-Bank il giorno dopo che l’UE lo aveva sanzionato. Si è anche dimesso dal consiglio di Letters, la società di investimento che ha co-fondato.

Fridman ha detto che crede di avere un buon rapporto con l’Occidente grazie ai suoi viaggi a Washington e a un programma di borse di studio Alfa-Bank che ha istituito per cittadini americani, britannici e tedeschi nel 2004.

Read:   L'UE ha registrato un disavanzo commerciale di 27,7 miliardi di euro nel marzo 2022. Quali sono state le cause e come si presenta la situazione per la Romania?

“Credo sinceramente che siamo così buoni amici nel mondo occidentale che non possiamo essere puniti”, ha detto a Bloomberg.

Fridman è tra i tanti russi presi di mira dalle sanzioni occidentali volte a paralizzare l’economia russa e punire il presidente Vladimir Putin per la sua invasione dell’Ucraina.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedentePerché scegliere il miele di Manuka dalla Nuova Zelanda. In quali terapie è consigliato
Articolo successivoL’UE mette in guardia i consumatori sulle truffe sulle criptovalute: potrebbe perdere tutti i soldi investiti in criptovalute