Home Economia Martedì, Toyota sospenderà le attività delle sue fabbriche giapponesi, a seguito di...

Martedì, Toyota sospenderà le attività delle sue fabbriche giapponesi, a seguito di un possibile attacco informatico a un fornitore

61
0

Nessuna informazione è stata immediatamente disponibile su chi c’era dietro il possibile attacco o perché.

L’attacco è avvenuto poco dopo che il Giappone si è unito agli alleati occidentali nel sanzionare la Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte del paese, anche se non era chiaro se l’attacco avesse qualcosa a che fare con esso.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha detto che il suo governo indagherà sull’incidente e se la Russia è coinvolta.

“È difficile dire se questo abbia qualcosa a che fare con la Russia prima di condurre controlli approfonditi”, ha detto ai giornalisti.

Kishida ha annunciato domenica che il Giappone si unirà agli Stati Uniti e ad altri paesi nel bloccare l’accesso delle banche russe al sistema di pagamento internazionale SWIFT e ha aggiunto che il Giappone fornirà 100 milioni di dollari in aiuti di emergenza all’Ucraina.

Read:   FMI sulla guerra Russia-Ucraina: avrà conseguenze per l'economia globale

Un portavoce del fornitore, Kojima Industries, ha affermato che sembrava essere stata vittima di un attacco informatico.

Un portavoce della Toyota lo ha descritto come “un malfunzionamento del sistema del fornitore”.

La società non sa ancora se la chiusura delle 14 fabbriche giapponesi, che rappresentano circa un terzo della sua produzione globale, durerà più di un giorno, ha aggiunto il portavoce.

Sono incluse nella chiusura alcune fabbriche gestite da Toyota, Hino Motors e Daihatsu.

Toyota, che ha subito attacchi informatici in passato, è un pioniere della produzione Just-In-Time, con parti provenienti dai fornitori che vanno direttamente alla linea di produzione invece di essere immagazzinate.

Alcuni stati hanno lanciato attacchi informatici alle società giapponesi in passato, incluso un attacco a Sony nel 2014, che ha esposto dati interni e spento i sistemi informatici.

Read:   La banca centrale russa ha deciso di non riaprire la Borsa di Mosca la prossima settimana

Gli Stati Uniti hanno incolpato la Corea del Nord per l’attacco, avvenuto dopo che la Sony ha pubblicato “The Interview”, una commedia su un complotto per assassinare il leader del regime Kim Jong Un.

La chiusura di Toyota arriva quando la più grande casa automobilistica del mondo sta già affrontando interruzioni della catena di approvvigionamento in tutto il mondo causate dalla pandemia di Covid-19, che ha costretto l’azienda giapponese e altre case automobilistiche a tagliare la produzione.

La Toyota è stata costretta a interrompere la produzione in Nord America questo mese a causa della mancanza di componenti causata dalle proteste dei camionisti canadesi.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteLa NASA sta cercando modi per mantenere in orbita la Stazione Spaziale Internazionale senza l’aiuto russo
Articolo successivo“Shark” Acosta sente già l’odore del sangue della MotoGP