Home Economia McDonald’s chiude i suoi ristoranti in Russia, ma continuerà a pagare gli...

McDonald’s chiude i suoi ristoranti in Russia, ma continuerà a pagare gli stipendi dei suoi 62.000 dipendenti

84
0

La catena di fast food ha detto che continuerà a pagare gli stipendi dei suoi 62.000 dipendenti in Russia.

Decine di compagnie sono state chiuse in Russia dall’invasione dell’Ucraina, che Mosca ha definito “operazione militare speciale” volta non ad occupare il territorio ma a distruggere le capacità militari dell’Ucraina.

Il produttore tedesco di abbigliamento sportivo Adidas, l’azienda di cosmetici Estee Lauder e il proprietario Calvin Klein e Tommy Hilfiger, PVH Corp., sono tra gli ultimi marchi ad annunciare la sospensione delle attività lì.

Nel settore petrolifero, Shell, BP ed Exxon hanno annunciato il ritiro dal mercato russo.

Le sanzioni occidentali alla Russia hanno anche portato a un aumento dei prezzi delle materie prime, che il gruppo minerario BHP ha avvertito potrebbe danneggiare l’inflazione già vertiginosa e avere un impatto negativo sulla crescita economica globale.

Read:   Fitch declassa il rating di credito a lungo termine della Russia a "B" da BBB con outlook negativo

I prezzi del nichel sono raddoppiati a oltre $ 100.000 a tonnellata e lo spedizioniere LME ha sospeso le transazioni quando il gruppo cinese Tsingshan Holding, uno dei maggiori produttori mondiali di nichel e acciaio inossidabile, ha acquistato grandi quantità di nichel per ridurre le proprie scommesse sul calo dei prezzi, hanno detto tre fonti che hanno familiarità con la questione.

Oltre al nichel di alta qualità, i prezzi di altri metalli utilizzati nella produzione di automobili, dall’alluminio nella carrozzeria al palladio nei convertitori catalitici, sono saliti alle stelle e le catene di approvvigionamento del settore sono crollate.

Volkswagen ha affermato che smetterà di ricevere ordini per molti modelli ibridi plug-in a partire da mercoledì, poiché i problemi della catena di approvvigionamento hanno esacerbato i ritardi di produzione causati dalla carenza di chip.

Read:   L'Italia firma l'accordo con l'Algeria: forniture gas in aumento del 40%

La casa automobilistica tedesca ha già interrotto la produzione in Russia e ha anche sospeso la produzione in diversi stabilimenti tedeschi mentre cercava di ottenere componenti.

Gli ordini per le versioni ibride plug-in di Volkswagen Golf, Tiguan, Passat, Arteon e Touareg saranno sospesi fino a nuovo avviso e la consegna degli ordini pre-effettuati potrebbe non avvenire quest’anno, ha affermato la società.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteQuali società si sono ritirate dalla Russia, che il partito di Putin vuole nazionalizzare
Articolo successivoPhilips annuncia due monitor da gioco della serie M5000: uno FullHD per gli eSport e uno UHD ultra-wide