Home Salute Perché i test rapidi sono meno utili per rilevare Omicron

Perché i test rapidi sono meno utili per rilevare Omicron

126
0

“Quando eseguiamo questi test rapidi, si correla con il loro risultato, cioè con la loro sensibilità. Se li eseguiamo nei primi 5 giorni dopo l’esordio della malattia, quando la carica virale è maggiore, la possibilità di darci un risultato reale è maggiore. Nelle persone che hanno un grado di immunità perché sono state vaccinate o hanno già attraversato la malattia, la carica virale è inferiore, quindi la probabilità che un test antigenico rapido risulti positivo è leggermente inferiore rispetto alle persone non vaccinate. Poi è ovvio che i test “gold standard” ora sono i test PCR”, ha affermato Valeriu Gheorghiţă, arrivando in serata, a Digi24.

Read:   Il 55% dei pazienti deceduti due anni dopo la diagnosi di cancro broncopolmonare proveniva da luoghi con forte inquinamento industriale

Il medico sottolinea che le persone che erano anche sintomatiche e che avevano ripetuto i test rapidi ed erano risultate negative sono state successivamente confermate dai test PCR.

“Abbiamo bisogno di più dati scientifici per confrontare i risultati dei due tipi di determinazioni al fine di poter prendere alcune decisioni, indipendentemente dal fatto che sia giustificato o meno fare più test antigenici”, ha detto a Digi24 Valeriu Gheorghiţă venerdì sera.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteMaria Băsescu, una nonna modello. Vuole instillare nei suoi nipoti il ​​suo immenso amore per i cavalli
Articolo successivoL’aggiornamento a Windows 11 sarà disponibile per tutti i dispositivi prima della scadenza originariamente annunciata