Home Salute Sono stati identificati i geni associati alla perdita di odore quando siamo...

Sono stati identificati i geni associati alla perdita di odore quando siamo infettati dal coronavirus

87
0

Gli scienziati hanno identificato i geni associati alla perdita di odore in caso di infezione da coronavirus

Dopo l’introduzione di un nuovo tipo di coronavirus nel corpo, una persona perde spesso l’olfatto, mentre la sua capacità di riconoscere il gusto può peggiorare. Tali sintomi si verificano in circa il 33-68% dei pazienti che hanno avuto COVID-19 durante le prime ondate di pandemia.

Ricercatori americani nel campo della biologia americana, guidati dal vicepresidente di 23andMe Adam Othon, hanno scoperto che alcune persone perdono l’olfatto anche in forme lievi o asintomatiche di COVID-19, mentre altre conservano l’olfatto anche con grave evoluzione del malattia.

Lo studio si è basato sui dati di 70.000 volontari che hanno contratto il coronavirus negli ultimi due anni e successivamente sono stati sottoposti a test genetici presso le sedi dell’azienda. Circa 47.000 di loro si sono lamentati di una perdita dell’olfatto e del gusto, che ha dato agli scienziati l’opportunità di studiare il background genetico di questo fenomeno.

Read:   Studio Australia: I tumori dell'apparato digerente sono in aumento tra i giovani

Si è scoperto che la probabilità di perdita dell’olfatto e del gusto era influenzata dalle variazioni in una sola regione del genoma, situata all’interno del 14° cromosoma umano. In questa regione del DNA, come successivamente scoperto dai genetisti, erano presenti due geni, UGT2A1 e UGT2A2, direttamente correlati all’attività delle cellule epiteliali olfattive nasali.

Entrambe le regioni del genoma controllano la produzione di proteine ​​che sono responsabili della rimozione di varie molecole volatili e altre sostanze che si legano ai recettori olfattivi sulla superficie delle cellule nervose del naso. Il verificarsi di una singola mutazione “spot” in UGT2A1 o UGT2A2, secondo Oton e colleghi, ha aumentato la probabilità di perdita di odore di circa l’11%.

Read:   L'obesità porta con sé una serie di problemi di salute. Quali malattie possono guadagnare chili di troppo

Gli scienziati sperano che ulteriori studi sull’attività di questi geni aiuteranno a comprendere il meccanismo mediante il quale le loro mutazioni portano alla perdita dell’olfatto e del gusto e riveleranno anche il meccanismo molecolare di questo fenomeno. Rispondere a queste domande aiuterà a proteggere i pazienti da tali problemi, hanno concluso i genetisti.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteLa fiera di Hannover è stata posticipata ai primi di giugno. Doveva svolgersi ad aprile
Articolo successivoI club ricevono i primi 400 milioni dall’accordo LaLiga e CVC