Home Technologia Studia. La sesta estinzione di massa della specie potrebbe essere causata...

Studia. La sesta estinzione di massa della specie potrebbe essere causata dall’uomo. La reazione di Musk

113
0

Lo studio, pubblicato sulla rivista Biological Reviews, afferma che la prossima estinzione di massa non sarà causata da fenomeni naturali, ma dall’uomo. L’umanità entrò nel suo sesto periodo di estinzione nel XVI secolo.

Secondo gli studi, due milioni di specie un tempo vivevano sulla Terra, ma hanno iniziato a scomparire: nel 1500 aC sono morte tra le 150.000 e le 260.000 specie, ovvero tra il 7,5% e il 13%.

Il professor Robert Cowie dell’Università delle Hawaii, coordinatore dello studio, difende la teoria dell’estinzione di massa smentita da alcuni, sostenendo che la ricerca si concentra sull’estinzione di mammiferi e uccelli, non prestando sufficiente attenzione ai vertebrati. Costituiscono la maggior parte della biodiversità, anche se la gravità della situazione è molto diversa: le specie vegetali muoiono più lentamente, mentre le specie terrestri, in particolare quelle locali sulle isole, sono più colpite di quelle che vivono sulla terraferma.

Read:   Kingston DataTraveler Max, chiavetta USB-C con capacità SSD o HDD esterno

“Gli esseri umani sono l’unica specie in grado di manipolare la biosfera su larga scala. Quindi non siamo solo una delle specie in evoluzione soggette a fattori esterni, al contrario, siamo gli unici in grado di fare una scelta consapevole sul nostro futuro e sulla biodiversità sulla Terra “, afferma Cowie.

Il fondatore di Space X Elon Musk ha commentato i risultati dello studio su Twitter.

“È probabile che tutte le specie si estinguano a causa dell’espansione del Sole se l’umanità non agisce per rendere la vita multiplanetaria”, ha scritto in un post su Twitter.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteIl turismo internazionale si è leggermente ripreso nel 2021. Gli specialisti prevedono una ripresa completa solo nel 2024
Articolo successivoMicrosoft ha annunciato nuove funzionalità per le piattaforme Teams e Viva per i lavoratori essenziali