Home Salute STUDIO Più di due terzi degli effetti collaterali dopo la vaccinazione COVID-19...

STUDIO Più di due terzi degli effetti collaterali dopo la vaccinazione COVID-19 non sono causati dal siero. Qual è l’effetto nocebo

113
0

I ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston (BIDMC) hanno esaminato i dati di 12 studi clinici con vaccini contro il coronavirus e hanno scoperto che “effetto nocebo” hanno rappresentato più di tre quarti (76%) dei normali effetti collaterali dopo la prima dose e più della metà (52%) dopo la seconda dose.

Un terzo dei partecipanti che non hanno ricevuto il vaccino ha riportato effetti come mal di testa e affaticamento.

Quando si verifica l’effetto nocebo

L’effetto nocebo si verifica quando un paziente ha aspettative negative su un trattamento e fa sì che abbia un effetto più negativo di quanto farebbe normalmente.

Ad esempio, un paziente che ha assunto un medicinale e prevede un certo effetto collaterale può subire questo effetto anche se la sostanza viene assunta inattiva.

Read:   La ricerca dimostra la gravità della variante BA.2 di COVID-19

I risultati, pubblicati sul Journal of American Medical Association, suggeriscono che molti degli effetti collaterali più lievi, come mal di testa, stanchezza a breve termine e dolore alle braccia, non sono causati dal vaccino stesso, ma da altri fattori. pensato per generare la risposta nocebo, come l’ansia.

“Gli eventi avversi dopo il trattamento con placebo sono comuni negli studi randomizzati controllati”, ha affermato l’autrice principale dello studio Julia W. Haas, PhD, ricercatrice nel programma di studio sul placebo del BIDMC.

“Raccogliere prove sistematiche di queste risposte nocebo negli studi di vaccinazione è importante per la vaccinazione COVID-19 in tutto il mondo, soprattutto perché le preoccupazioni sugli effetti collaterali sono considerate una delle ragioni dell’esitazione nella vaccinazione”, ha aggiunto.

Read:   Pfizer assicura che la sua pillola anti-COVID-19 è efficace anche contro Omicron

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteL’Italia ha declassato le sanzioni inflitte ad Apple e Amazon per “errore materiale”
Articolo successivoLei è la principessa Ingrid Alexandra, la futura regina di Norvegia. A febbraio compirà 18 anni