Home Technologia Un’azienda slovacca ha ottenuto la certificazione del suo modello VIDEO “macchina volante”.

Un’azienda slovacca ha ottenuto la certificazione del suo modello VIDEO “macchina volante”.

119
0

“AirCar”, sviluppato dalla società slovacca KleinVision, è stato certificato secondo gli standard dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea dopo 200 decolli e atterraggi e 70 ore di volo dopo di che “ha dimostrato un’impressionante stabilità dinamica e statica in modalità aereo”, hanno detto hanno trasmesso gli sviluppatori.

“La certificazione apre la strada alla produzione in serie di macchine volanti altamente efficienti”, afferma il professor Stefan Klein, inventore di prototipi e coordinatore del progetto.

“L’Autorità dei trasporti ha monitorato da vicino tutte le fasi dello sviluppo dell’esclusivo progetto AirCar sin dal suo inizio nel 2017. La macchina volante è una combinazione di innovazioni di punta con misure di sicurezza conformi agli standard dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea. È una nuova categoria di auto sportive e velivoli affidabili. La sua certificazione è stata un compito impegnativo e affascinante”, ha affermato René Molnár, direttore dell’istituto.

Read:   Social media al lavoro, cosa dovrebbero e non dovrebbero fare i dipendenti per non compromettere la sicurezza informatica

Air Car diventa un’auto sportiva in meno di tre minuti dall’atterraggio e ha già effettuato il suo primo viaggio di prova tra le città di Nitra e Bratislava, un volo di 35 minuti.

Il prototipo testato è equipaggiato con un motore BMV da 160 cavalli e ha due posti. Il prototipo da certificare per la produzione, entro 12 mesi stimati, avrà un motore più potente da 300 cavalli e dovrebbe raggiungere una velocità di crociera di 300 chilometri orari e essere in grado di volare su una distanza di 1.000 chilometri.

La Flying Machine non richiede un addestramento speciale del pilota.

Read:   HONOR è stato lanciato in Romania. Intervista a Zachary Jiang, Presidente HONOR nella regione CEE e Nord Europa

“Il passaggio automatico da un veicolo stradale a un veicolo aereo e viceversa, l’apertura/retrazione delle ali e della coda non sono solo il risultato di entusiasmo pionieristico, spirito innovativo e coraggio, ma anche di eccellente conoscenza e ingegneria”, afferma Branko Sarh, ex esperto Boeing, dopo il primo volo AirCar tra le città, lo scorso anno.

Se ti piace questo articolo, non vediamo l’ora di entrare a far parte della community di lettori sulla nostra pagina Facebook, con un Like qui sotto:

Articolo precedenteLG presenta la soundbar S95QR, che include il primo altoparlante centrale up-firing
Articolo successivoMihăiţă Neşu considera tutta la sua vita una serie di benedizioni, anche se è salita su una sedia a rotelle mentre era un’atleta di successo